https://www.fondazionecarisap.it/
giovedì 29 Febbraio 2024
Ultimo aggiornamento 02:29
https://www.fondazionecarisap.it/
giovedì 29 Febbraio 2024
Ultimo aggiornamento 02:29

Dati turismo, Coldiretti: “Il Piceno perde il primato, ma cresce l’entroterra”

Stefano Mozzoni: "Dobbiamo lavorare ad un’offerta turistica diffusa, ad un ventaglio di proposte in tutte le stagioni, l’enogastronomia può essere il ‘fil rouge’ nonché il maggior traino della ripresa"

Pubblicato da 

Redazione
 giovedì 26 Ottobre 2023

“Se i dati provvisori sul turismo di gennaio-agosto 2023 resi noti da Regione Marche verranno validati dall’ISTAT, anche a seguito delle contestazione mosse nelle scorse ore dal Sindaco di Grottammare che ha chiesto il riconteggio per presunte incongruenze, il Piceno scivolerebbe in seconda posizione con 2,57 milioni di presenze, superato di un soffio (2,59 milioni) dalla provincia di Pesaro Urbino che invece cresce (+5,9%) così come crescono Ancona (2,14 milioni +3,9%) e Macerata (1,45 milioni +17,8%), incassando comunque una crescita significativa nel turismo dell’entroterra”. Interviene così la Coldiretti Ascoli Fermo nel commentare i dati dell’Osservatorio del Turismo di Regione Marche che hanno animato il dibattito delle scorse ore nelle province di Ascoli e Fermo.

Le province picene, infatti, parrebbero le uniche – precisa la Coldiretti – a far registrare un dato negativo in termini di presenze (-10,7%), con il -6,5% di Fermo e, addirittura, il -14,2% di Ascoli. Fermo crescerebbe, invece, nel numero degli arrivi (+2,7%) ma meno di Pesaro, Ancona e Macerata cresciute mediamente del 4,2%. La provincia di Ascoli perderebbe anche in termini di arrivi (-12.375, -4,1%).

Bisogna notare però, e questa è una percezione diffusa con dati quindi difficilmente controvertibili, come nel Piceno i comuni dell’entroterra, ancorché in valori assoluti di arrivi e presenze non possano competere con i comuni della costa, siano gli unici a crescere in termini percentuali. È il caso di Acquasanta e Folignano, che hanno raddoppiato le presenze, di Colli del Tronto, Montemonaco, Ascoli Piceno e altri comuni dell’entroterra piceno.

“A prescindere dai numeri, è evidente che i piccoli borghi delle aree interne, il turismo rurale e, più in generale, la connessione fra entroterra e costa siano la chiave per far ripartire il turismo nel Piceno – dice il presidente di Coldiretti Ascoli Fermo, Stefano Mazzoni – dobbiamo lavorare ad un’offerta turistica diffusa, ad un ventaglio di proposte in tutte le stagioni, ad una geometria non casuale fra costa ed entroterra e l’enogastronomia può essere il ‘fil rouge’ nonché il maggior traino della ripresa. Oltre a questo, è opportuno evidenziare come i pernottamenti negli agriturismi del Piceno, quest’anno saranno oltre 170 mila secondo le nostre stime, un dato in crescita che certifica ancora una volta come il turismo esperienziale in ambito rurale sia uno dei più gettonati”.

“Gli effetti del caldo di questo autunno – commenta Ombretta Massitti, presidente di Terranostra Ascoli Fermo, l’associazione degli agriturismi di Coldiretti – rendono ancora più piacevole una vacanza in campagna in questo periodo, dove c’è l’opportunità di assistere alla raccolta dell’uva e delle olive, di assaggiare l’olio novello nei frantoi, ma anche di passeggiare nei boschi alla ricerca di funghi o di andare a gustare le specialità come il tartufo in sagre e feste locali. Se la cucina a chilometro zero resta la qualità più apprezzata a far scegliere una delle 300 aziende agrituristiche del Piceno, molto fa la spinta verso un turismo più sostenibile che ha portato le strutture ad incrementare anche l’offerta di attività con servizi innovativi per sportivi e ambientalisti tra cui i cammini, oltre ad attività culturali. Gli agriturismi rappresentano, infatti, un’ottima base di partenza per visitare uno dei piccoli borghi presenti nelle nostre province capaci di offrire – sottolinea la Coldiretti – un patrimonio naturale, paesaggistico, culturale e artistico senza eguali. Senza dimenticare l’enogastronomia con il 92% delle produzioni tipiche nazionali che secondo l’indagine Coldiretti/Symbola nasce proprio nei piccoli borghi italiani con meno di cinquemila abitanti”.

© LA NUOVA RIVIERA|RIPRODUZIONE RISERVATA

Le ultime notizie

new edil
coal
salone bio 2
fiora
garofano
kokeshi
onova 250

TI CONSIGLIAMO NOI…