Bike Trial: ecco come scegliere una bici adatta a questa disciplina

Print Friendly, PDF & Email

Nel corso degli ultimi anni ci sono tante discipline minori che sta raccogliendo un numero sempre maggiore di consensi. Una di queste è sicuramente il Bike Trial, che si sta facendo notare per la spettacolarità dei percorsi previsti e per una dinamica che porta gli atleti ad associare forza fisica e una grandissima capacità di controllare il mezzo e, al contempo, l’equilibrio.

In questa disciplina, infatti, gli atleti devono affrontare una serie di percorsi in cui l’obiettivo principale è quello di non poggiare mai i piedi per terra. Sì, avete capito più che bene: bisogna affrontare tutto senza nemmeno poggiare per terra o su qualche appoggio le mani.

Il Bike Trial si può praticare in percorsi sia indoor che outdoor e prevede il superamento di svariati ostacoli, che si devono affrontare, come detto in precedenza, rigorosamente in equilibrio sulla bici, senza appoggiare i piedi per terra. Proprio per questa ragione, c’è la necessità anche di utilizzare delle tipologie di bici ben precise, in cui la peculiarità più evidente è la mancanza del sellino.

Le caratteristiche di una bici da Bike Trial

Prima di tutto, però, bisogna individuare il portale migliore a cui affidarsi per comprare una vera e propria bici da trial. Le migliori bici da Trial si possono acquistare su recklessbikes.it, un portale che si occupa della vendita di tutto ciò che può tornare utile per affrontare una simile disciplina. Si tratta di un sito che nasce appositamente per cercare di soddisfare un po’ tutte le esigenze dei bikers, in cui però vengono proposti solamente prodotti di alta fattura, caratterizzati da un ottimo rapporto tra qualità e prezzo.

Per poter essere impiegata per affrontare i vari percorsi legati al Bike Trial, ecco che tali bici devono avere alcune caratteristiche particolari: ad esempio, non devono presentare il sellino. Infatti, è il principale elemento di distinzione rispetto alle bici classiche. Uno svantaggio? Assolutamente no, dato che non avere il sellino è fondamentale, dato che consente al biker di muoversi con molta più facilità e agilità sulla bici.

Materiali e ruote

Da mettere in evidenza anche come le bici da Trial di maggiore qualità sono quelle create con materiali notevolmente leggeri. In questo modo, si andranno a rendere molto più fluidi i movimenti dei bikers. Inoltre, tali bici devono essere realizzate con materiali molto resistenti, dato che capita con grande frequenza di avere a che fare con delle cadute nel corso del percorso che si deve affrontare.

Se le cadute possono capitare spesso, è fondamentale che i materiali non si danneggino troppo in fretta. Per questo motivo, vengono il più delle volte impiegati carbonio, titanio e alluminio, dato che si tratta di materiali che hanno tutte le capacità di per riuscire a supportare delle sollecitazioni anche particolarmente elevate.

Infine, bisogna prestare la massima attenzione alle ruote, che rappresentano un’altra componente di primo livello. Le ruote possono avere tre dimensioni differenti, ovvero da 20, 24 e 26 pollici. L’elemento più interessante è che non vanno scelte in base alla statura del biker, quanto piuttosto allo stile di guida che si avrà intenzione di usare. Le ruote da 20 pollici consentono maggiore agilità e dinamismo, mentre le altre comportano la necessità di seguire una guida molto più precisa e tecnica.

 


© RIPRODUZIONE RISERVATA
CONDIVIDI