san park
martedì 23 Aprile 2024
Ultimo aggiornamento 22:23
san park
martedì 23 Aprile 2024
Ultimo aggiornamento 22:23
Cerca

Ultimatum Nuovo Polo: “La maggioranza faccia ordine o ce ne andiamo”

SAN BENEDETTO – Un presidente del consiglio non può abbandonare il consiglio. Ma se continua la guerra in maggioranza molliamo tutto. E’ questo, in sintesi, il pensiero con cui Emanuele Bassetti, coordinatore del Nuovo Polo Sambenedettese, difende la scelta di Marco Calvaresi di garantire il numero legale nell’assise di sabato mattina.

“Il Presidente del Consiglio Marco Calvaresi – afferma infatti Bassetti – secondo alcuni colpevole di non essere uscito al momento della votazione mantenendo così il numero legale, non ha fatto altro che svolgere il compito a lui assegnato e di mantenere l’impegno preso con il suo elettorato e con il suo ruolo istituzionale: quello di essere super partes e di portare fino alla fine i consigli comunali da lui convocati astenendosi al momento della votazione”.

Bassetti ipotizza inoltre che l’uscita di scena di alcuni rappresentanti della maggioranza potesse essere un bluff: “Ci domandiamo siamo sicuri del fatto che anche se fosse uscito ” qualcuno  dei consiglieri” non presenti in aula ma che stazionavano nei pressi dell’emiciclo,non sarebbero poi rientrati? Il tempo e’ galantuomo, sicuramente fra qualche tempo, sapremo veramente, quali imboscate e giochetti politici si nascondessero e di come siano andate le cose”.

Quindi alcuni retroscena, con le stoccate a Piunti e a Pellei: “Stupisce poi che il consigliere Piunti: addossi le responsabilità del mancato rispetto dei tempi per l’ordine del ” giorno urgente “al Presidente Calvaresi; quando tutti sanno che la stesura delle convocazioni spetta all’ufficio competente ed il presidente firma solo dopo aver avuto le dovute autorizzazioni dalla segretaria generale. Vorremo da lui lo stesso spirito battagliero anche, nella difesa degli interessi Sambenedettesi in provincia,  dove riveste il ruolo di vice presidente, magari a difesa della scuola, delle strutture alberghiere e del turismo totalmente abbandonato. Rattrista lo scatto d’ira del consigliere Pellei a Calvaresi, veramente inqualificabile per chi dovrebbe rappresentare le esigenze della Cristianità e professare la conciliazione fra gli uomini”.

Infine l’affondo sulla maggioranza: “Dopo un consiglio comunale come quello di sabato 30 novembre, riteniamo sia giusto da parte della maggioranza schiarirsi le idee e fare il punto della situazione per puntare a degli obiettivi di breve termine, magari attraverso un programma di fine mandato, che possa dare anche un senso alla nostra presenza Istituzionale. Da parte nostra riteniamo che permanendo questa situazione di grande conflittualità all’interno del PD dovremo riconsiderare anche la nostra posizione politica, alla luce dell’invito fatto quasi 2 anni e mezzo fa dal sindaco al nostro gruppo, con la proposta della presidenza del consiglio in rappresentanza della minoranza, per contribuire alla creazione di un progetto di sviluppo per la nostra città. Considerando gli scenari politici attuali e futuri siamo certi che si debba tornare a parlare di politica, incominciando fin d’ora a parlare di un progetto di governo per la città che veda finalmente gli interessi dei cittadini al centro dell’azione politica.
Riteniamo improbabile che possa ripetersi quello che è successo nell’ultimo consiglio comunale; quindi per non incorrere in altre situazioni di difficoltà ed imbarazzo auspichiamo, al più presto un confronto con i rappresentanti della maggioranza proprio per evitare  di generare conflitti o illusioni”.

fiora
coal
garofano
new edil
jako
euro 3 250

TI CONSIGLIAMO NOI…