mercoledì 7 Dicembre 2022
Ultimo aggiornamento 14:09
mercoledì 7 Dicembre 2022
Ultimo aggiornamento 14:09

Turismo, la Riviera è prima della classe. Spazzafumo guarda al futuro: “Al lavoro da mesi su questo percorso. Ma dobbiamo coinvolgere tutto il territorio”

L'intervista al primo cittadino: "Attività iniziate con la Tirreno Adriatico. Il rammarico? Pochi treni, niente aerei e situazione A14 sempre più complicata"
senduicceri

SAN BENEDETTO DEL TRONTO
Pensa al futuro il sindaco Spazzafumo osservando i dati diffusi ieri dall’osservatorio regionale sul Turismo. La Riviera è in prima posizione per numero di arrivi, in seconda per presenze. Un dato che premia il turismo sambenedettese e tutto il territorio e che vede la città Riviera delle Palme superare, nella prima classifica, anche il “mostro sacro” Senigallia. Il primo cittadino parla di aspettative rispettate ma anche di un percorso di crescita che deve passare, assolutamente, attraverso un lavoro di squadra territoriale. “Sono gli obiettivi per i quali lavoriamo dall’inizio dello scorso anno – spiega – da quando abbiamo iniziato una pianificazione avviata con il notevole investimento di risorse ed energie della Tirreno – Adriatico”.

Il viaggio verso quello che, dati alla mano, è stato definito un boom, parte proprio da lì: “Abbiamo organizzato tutto in fretta – spiega il primo cittadino – ma sapevamo che occorreva puntare fin da quell’evento sul territorio, ad esempio con la sponsorizzazione del brand “Piceno” e siamo pronti a rilanciare per il prossimo anno. In tal senso avvierò un dialogo con il presidente dell’Associazione Albergatori Nicola Mozzoni per la nuova tappa della corsa al fine di chiedere una maggiore disponibilità alle strutture alberghiere e far pernottare, a San Benedetto, un maggior numero di carovane“.

I mesi premiati dai dati dell’osservatorio regionale sono quelli estivi. E se la Tirreno Adriatico può venire considerata un “gancio” mediatico a livello nazionale, gli eventi che si sono svolti tra giugno e settembre rappresentano invece i momenti centrali in cui quei numeri si sono registrati. “Non posso che ringraziare il comune e tutta l’amministrazione comunale, in particolar modo le assessore Cinzia Campanelli allo Sport e Lina Lazzari alla Cultura per aver coordinato una serie di eventi e iniziative che hanno fatto sì che, in estate, a San Benedetto ci fossero eventi diffusi in più luoghi della città, anche contemporaneamente“.

Ma per Spazzafumo tutto ciò non può limitarsi al solo territorio rivierasco. Il sindaco di San Benedetto ha fin dall’inizio del proprio mandato cercato una sponda negli altri comuni del territorio, in primo luogo ad Ascoli. “Sono situazioni che ho sempre fortemente cercato – afferma – la crescita passa anche da una unione di intenti e di forze. Abbiamo tanto da offrire e c’è tanto da fare. E proprio con Ascoli stiamo lavorando ad una iniziativa, pensata dal sindaco Fioravanti, che coinvolgerà tutto il territorio”.

Il primo cittadino di San Benedetto sottolinea anche le note dolenti: “E’ impossibile, leggendo quei numeri, non fare una riflessione su quanto si potrebbe fare di più se solo la nostra città fosse raggiungibile in maniera più comoda. Purtroppo i treni sono pochi, non siamo a portata di aereo e quello che sta succedendo da tempo sull’A14 è sotto gli occhi di tutti. Questo è sicuramente un notevole rammarico”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

PUBBLICITA’

la baia
Pappa e Ciccia

TI CONSIGLIAMO NOI…