spadu top
martedì 28 Maggio 2024
Ultimo aggiornamento 19:09
spadu top
martedì 28 Maggio 2024
Ultimo aggiornamento 19:09
Cerca

Sanità, gli infermieri: “Le tremila assunzioni promesse da Saltamartini? Una bufala. Nessuno accetterà quel contratto”

L'allarme lanciato dal Nursind
Pubblicato il 11 Novembre 2020

“Le tremila assunzioni della sanità? Una bufala”. Sono perentori dal Nursind, il sindacato degli infermieri, da dove con una nota congiunta dei quattro segretari provinciali bocciano l’annuncio fatto dall’assessore regionale alla sanità Saltamartini. “Le 3000 assunzioni d’infermieri proclamate qualche giorno fa da Saltamartini – affermano – sono l’ennesimo coup de théâtre che getta fumo negli occhi alla popolazione. La procedura proposta dalla Regione Marche di utilizzare la graduatoria concorsuale dei 3000 partecipanti per chiamate a tempo determinato per soli 3 mesi è fallimentare. Tutti i partecipanti sono già occupati a tempo determinato in altre strutture sanitarie marchigiane, per lo più private oppure in altre regioni e già ci hanno riferito che non accetteranno questo contratto”.

Maurizio Pelosi, segretario provinciale Nursind Ascoli e Fermo, Elisabetta Guglielimi per Macerata, Matteo Riganese per Ancona e Alessandro Samanna per Pesaro Urbino spiegano: “Per ottenere assunzioni immediate e contrastare l’epidemia da coronavirus occorre ben altro, la Regione Marche deve procedere alle stabilizzazioni degli infermieri aventi diritto e deliberare che le prove concorsuali realizzate sono concluse e realizzare subito le assunzioni a tempo indeterminato. I colleghi infermieri in graduatoria concorsuale accetteranno solo il tempo indeterminato, altrimenti preferiscono restare nelle proprie strutture. Rispondendo all’assunzione per 3 mesi proposta dall’ASUR, lascerebbero di punto in bianco senza neanche il tempo di preavviso contrattuale le loro sedi di servizio, causando in queste aziende un grave disservizio con conseguenze dannose per gli stessi pazienti.
La lotta al coronavirus non si potrà vincere senza gli infermieri, i cittadini devono sapere che negli ospedali e nei servizi sanitari marchigiani si registra una forte carenza di questi professionisti sanitari, per ogni unità operativa sanitaria delle Marche, mancano in media 3-4 infermieri. Stimiamo un fabbisogno urgente per ogni area vasta della regione Marche di circa 250 infermieri, senza considerare le grandi aziende di Marche Nord e AOR Torrette di Ancona dove le necessità per ciascuna constano di circa 150 – 200 infermieri.
Attualmente le carenze sono colmate grazie all’abuso e sfruttamento delle condizioni di lavoro, gli infermieri a tempo determinato in servizio non hanno beneficiato delle ferie estive, saltando anche i loro riposi. Purtroppo questi colleghi hanno paura di richiamare i loro diritti di lavoratori, li dissuade il concorso non ancora concluso e l’ipotetico rischio di essere discriminati. Purtroppo nelle strutture sanitarie delle Marche registriamo molti infortuni con sanitari malati covid19 e positivi asintomatici, il numero attualmente supera le 500 unità e tende a crescere. I professionisti protestano inadeguate misure di tutela della loro salute; nelle più grandi aziende sanitarie marchigiane non è stata istituita una procedura di screening e monitoraggio del rischio biologico da Sars-Cov2 e anche nel nuovissimo Covid Center di Civitanova, le problematiche organizzative e gestionali non mancano, l’impianto di climatizzazione risulta inadeguato, i sanitari lamentano temperature troppo elevate, la traspirazione con le tute di contenimento diviene spesso insopportabile, tale da rendere quasi sempre gli schermi protettivi appannati con conseguenti difficoltà visive; visione specialmente difficoltosa nelle ore notturne perché sembra che anche l’illuminazione non sia sufficiente. Inoltre l’arruolamento del personale infermieristico per il Covid Center non esclude colleghi senza esperienza effettiva nell’ambito dell’area critica, per cui i carichi di lavoro per il personale “esperto” risultano molto onerosi con conseguente aumento del rischio clinico per i pazienti. Il sindacato Nursind ha la maggiore rappresentatività dei professionisti sanitari infermieri delle Marche, auspichiamo quindi che il Governo sanitario Marchigiano, attui strategie che tengano in dovuta considerazione delle proposte avanzate dalla nostra categoria professionale. Siamo infermieri professionisti della salute che operano in prima linea in difesa della salute dei cittadini, conosciamo i problemi e abbiamo le soluzioni, essere trattati alla stregua di pedine, esclusi dai processi decisionali, è strategia miope, disastrosa per una buona politica sanitaria, gli infermieri sono tra gli interlocutori più responsabili e competenti, professionisti con il medesimo obiettivo, garantire la salute dei cittadini”.

garofano
new edil
kokeshi
coal
jako
villa picena

TI CONSIGLIAMO NOI…