martedì 27 Settembre 2022
Ultimo aggiornamento 23:36

      FERMO       MACERATA       ANCONA       PESARO-URBINO       DALL’ABRUZZO      

logopng
martedì 27 Settembre 2022
Ultimo aggiornamento 23:36

PUBBLICITA’ ELETTORALE

ANNUNCIO PUBBLICITARIO

Picenambiente, la spaccatura in maggioranza resta. Tutto è nelle mani del segretario comunale

Da una parte gli ‘irremovibili’, che invocano il ritocco del documento per rivendicare il controllo pubblico, dall’altra i più ‘elastici’ più propensi a lasciar correre

PUBBLICITA’ ELETTORALE

  
weedy

Deciderà il segretario comunale. La palla sulla questione Picenambiente passerà a Stefano Zanieri, che comunicherà alla maggioranza se la delibera sul bilancio consolidato – che approderà in assise a fine mese – dovrà essere sottoposta a modifiche.

La vicenda è ormai nota: nella riunione del 19 agosto scorso la giunta aveva escluso dal perimetro delle società partecipate la stessa Picenambiente. Una mossa contestata da una fetta di coalizione che intende al contrario rivendicare il controllo pubblico sulla realtà di raccolta e smaltimento dei rifiuti.

Il tema è stato riaffrontato martedì pomeriggio, con le posizioni che sono rimaste intatte. Da una parte gli ‘irremovibili’, che invocano il ritocco del documento, dall’altra i più ‘elastici’ più propensi a lasciare correre. Della serie: se la società è rimasta fuori dall’elenco per tutti questi anni, può continuare a rimanerci.

Ma c’è un ma, ovvero la battaglia che diversi membri dell’opposizione all’epoca dell’amministrazione Piunti – oggi al timone di comando – portarono avanti con foga. Tra questi c’è sicuramente Giorgio De Vecchis, protagonista di molteplici attacchi in consiglio quando a governare era il centrodestra.

Qualora tutto rimanesse così com’è, il rischio sarebbe quello di un bilancio consolidato messo in seria discussione, che genererebbe inevitabilmente una crisi politica.

Non è escluso che per gettare acqua sul fuoco ci si affidi alla sentenza del Tar del 2019 che annullò la delibera approvata all’unanimità dell’emiciclo che confermava proprio il controllo pubblico. Va tuttavia ricordato che i detrattori di Piunti contestarono aspramente il mancato ricorso del Comune contro la sentenza.

Avis Sbt 250
casereccia 250

ANNUNCIO PUBBLICITARIO

ANNUNCIO PUBBLICITARIO

haster 250
la baia
centrotermica 250

TI CONSIGLIAMO NOI…