lunedì 26 Settembre 2022
Ultimo aggiornamento 04:07

      FERMO       MACERATA       ANCONA       PESARO-URBINO       DALL’ABRUZZO      

logopng
lunedì 26 Settembre 2022
Ultimo aggiornamento 04:07

PUBBLICITA’ ELETTORALE

ANNUNCIO PUBBLICITARIO

Orfini a Grottammare: “Pd in svantaggio, convinciamo gli italiani dicendo la verità”

Critiche a Conte e Salvini: "Hanno mandato a casa Draghi". Su Meloni: "Vuole tornare a Tremonti". Stoccate anche a Calenda: "Sta sempre su Twitter"

PUBBLICITA’ ELETTORALE

  
haster 250

“La destra è forte, lo percepiamo. Possiamo recuperare, ma non partiamo in vantaggio”. L’ammissione arriva da Matteo Orfini, ospite di chiusura della Festa de L’Unità di Grottammare. “Lo dicono i sondaggi e anche la consapevolezza. Non possiamo fare una campagna demonizzando l’avversario, non ha mai funzionato. Non mi piacciono le idee di Meloni e Salvini, ma quella roba lì esiste. Gli italiani vanno convinti dicendo la verità, mentre altri promettono qualunque cosa, sapendo che quelle promesse non si realizzeranno mai.”.

Sabato pomeriggio ad affiancare il deputato dem in piazza dell’Angioletto ci sono, tra gli altri, i candidati in Parlamento del Piceno, il segretario provinciale Francesco Ameli e la coordinatrice comunale Alessandra Biocca. “Siamo all’inizio di una campagna elettorale stranissima, diversa da tante altre, forse più delicata – prosegue – siamo ad un punto di svolta del Paese”.

Orfini non lesina stoccate ai responsabili della caduta del governo Draghi: “Non va dimenticato il passato. Un governo c’era e qualcuno quel governo l’ha mandato a casa. Quando Conte e Salvini chiedono interventi urgenti, dovrebbero prima di tutto chiedere scusa. Quell’esecutivo, nonostante le difficoltà, lo abbiamo sostenuto fino alla fine. Non era semplice, ma lo abbiamo fatto. Senza quella crisi forse ora saremmo più tranquilli”. Il campo poi si allarga a Fratelli d’Italia: “Abbiamo una candidata premier che ci propone di tornare a Tremonti. Non la demonizzo, però mi preoccupo”.

La corsa del Pd sarà sul centrodestra e l’obiettivo di Orfini è evitare che i voti vadano dispersi in realtà alternative: “Ogni voto è utile e va rispettato, tuttavia dobbiamo raccontare che in questa campagna elettorale nei collegi uninominali ci sono solo due coalizioni che possono vincere: o noi, o la destra. Non c’e’ alcun collegio in Italia in cui ci sia la possibilità che vincano terzo polo o Cinque Stelle. Massimo rispetto per le scelte di tutti, ma siano scelte consapevoli”.

E a proposito di terzo polo, Orfini non rinuncia ad un affondo su Carlo Calenda: “Non so come faccia a passare 80 ore su Twitter a rispondere a qualunque cosa. Dal tono utilizzato, oltretutto, capisci che è lui e non chi lo fa per lui”.

sbizzura 250
contaldo 250

ANNUNCIO PUBBLICITARIO

ANNUNCIO PUBBLICITARIO

senduicceri
bio 250
spadu

TI CONSIGLIAMO NOI…