hopera surreal
venerdì 19 Luglio 2024
Ultimo aggiornamento 13:40
venerdì 19 Luglio 2024
Ultimo aggiornamento 13:40
Cerca

Nuovo ospedale di San Benedetto, la Provincia non firma l’accordo: “Non ci sono competenze e non c’è stato coinvolgimento”

L'ente non entra nell'accordo: "Il nostro ruolo è legato soltanto a valutazioni di carattere tecnico"
Pubblicato il 22 Luglio 2023

ASCOLI PICENO. La Provincia non firmerà la convenzione per la realizzazione del nuovo ospedale di San Benedetto. L’ente non parteciperà infatti alla sigla dell’accordo tra le parti che avverrà lunedì in Riviera. “L’Amministrazione provinciale – fanno sapere in una nota – ha ritenuto opportuno inviare una nota di chiarimento alla Regione Marche. In tale documento, si precisa che “non si riscontra al momento alcuna competenza specifica della Provincia da adottarsi tramite convezione. Pertanto, gli eventuali adempimenti dell’Amministrazione Provinciale rispetto all’iter di realizzazione del nosocomio in questione, sarebbero costituiti da valutazioni e pareri di natura prettamente urbanistica e ambientale. Tutte procedure già note, definite e contemplate dalla normativa vigente. “.

In buona sostanza la Provincia on “benedirà” la struttura per una questione di competenze ma si sfila anche politicamente dall’accorso. “Il documento di per se non può derogare dalle attribuzioni di legge. Alla luce di questo, non si ravviserebbe quindi la necessità di ricorrere ad ulteriori strumenti ed accordi che richiamino, peraltro, competenze della Provincia in maniera generica senza entrare nel merito amministrativo ed operativo degli atti da mettere in campo. Se, invece, il documento ricerca una legittimazione di indirizzo politico, quest’ultima è bene che passi attraverso una condivisione con i sindaci dell’assetto Sanitario Piceno”.

Proprio sull’aspetto politico si scende nel dettaglio: “Prima di predisporre schemi di accordi e protocolli da firmare – spiegano da Palazzo San Filippo – sarebbe stato auspicabile e più produttivo dal punto di vista istituzionale organizzare un momento di confronto con tutti i sindaci dei comuni ricadenti nell’ambito AST. Tutto ciò, non solo con l’obiettivo di definire, in maniera sinergica, condivisa e più fruttuosa percorsi e procedure, ma anche per approfondire, con il contributo dei sindaci e di altri soggetti operanti nel campo della sanità, una tematica così rilevante per l’intera comunità provinciale. D’altra parte la conferenza dei sindaci dei comuni compresi nell’ambito territoriale di ciascuna azienda territoriale locale esprime i fabbisogni sociosanitari delle comunità locali e la loro presenza è prevista anche dalla legge 8 agosto del 2022 della Regione articoli 8, 9 e 10”.

“In ogni caso – conclude la nota – l’Amministrazione Provinciale è impegnata a favorire e concretizzare ogni soluzione volta a realizzare nuove strutture sanitarie e potenziare e migliorare i servizi ed i presidi a tutela della salute dei cittadini e dei territori del piceno. In questa prospettiva, anche per quanto riguarda tale iter, la Provincia è pronta a svolgere il ruolo che le compete e a fare, dal punto di vista tecnico ed amministrativo quanto necessario, nell’ambito delle proprie prerogative istituzionali”.

jako
new edil
fiora
garofano
kokeshi
euro 3 250

TI CONSIGLIAMO NOI…