spadu top
martedì 28 Maggio 2024
Ultimo aggiornamento 12:59
spadu top
martedì 28 Maggio 2024
Ultimo aggiornamento 12:59
Cerca

Nelle Marche anche i senza fissa dimora potranno avere il medico di base

La legge avrà dotazione finanziaria fino a 10mila euro per il 2024 e il 2025; per gli anni successivi, la spesa sarà autorizzata con le leggi di Bilancio
Pubblicato il 8 Novembre 2023

ANCONA. Il Consiglio regionale delle Marche ha approvato all’unanimità una proposta di legge per l’iscrizione dei senza dimora all’Anagrafe sanitaria regionale, con possibilità così di avere un medico di base, presentata dal gruppo Pd, primo firmatario Antonio Mastrovincenzo. La legge avrà dotazione finanziaria fino a 10mila euro per il 2024 e il 2025; per gli anni successivi, la spesa sarà autorizzata con le leggi di Bilancio.

Il relatore di maggioranza Carlo Ciccioli (Fratelli d’Italia) ha parlato di “un segno di civiltà che permetterà anche un monitoraggio completo delle persone senza fissa dimora che vivono abitualmente nelle Marche, sanando una dimenticanza del passato politico di questa regione”, con riferimento ai passati governi di centrosinistra.

Ciccioli, lui stesso medico, ha rimarcato il diritto “pieno e incondizionato di ogni cittadino ad accedere alle cure, in quanto pubblico servizio”. La legge “individua la categoria di destinatari dando la possibilità di iscriversi all’Anagrafe sanitaria regionale con facoltà di scegliere il Medico di medicina generale e di accedere alle prestazioni garantite dai Lea ai cittadini italiani residenti in Italia”. L’iscrizione avviene su segnalazione dai servizi sociali comunali all’Azienda sanitaria territoriale.

“Una proposta di legge – secondo Mastrovincenzo – che prova a dare una risposta concreta in termini di riconoscimento di diritti in ambito sanitario, sanciti dalla Costituzione, alle persone più fragili della nostra comunità”. “Sono circa 90mila – ha ricordato – gli italiani che, avendo perso la casa e la residenza non hanno più un medico di base e, per curarsi, sono costretti a rivolgersi (quando lo fanno) alle strutture ospedaliere, ai Pronto Soccorso o ad ambulatori gestiti da medici volontari. La frequenza di queste situazioni purtroppo è aumentata nel corso degli ultimi anni – ha concluso – anche a causa della crisi economico e sociale, soprattutto a seguito della crisi pandemica. Nelle Marche, nel 2022 si sono rivolti a Centri di Ascolto della Caritas ben 534 persone senza fissa dimora”.

jako
new edil
garofano
kokeshi
fiora
amat

TI CONSIGLIAMO NOI…