lunedì 26 Settembre 2022
Ultimo aggiornamento 04:57

      FERMO       MACERATA       ANCONA       PESARO-URBINO       DALL’ABRUZZO      

logopng
lunedì 26 Settembre 2022
Ultimo aggiornamento 04:57

PUBBLICITA’ ELETTORALE

ANNUNCIO PUBBLICITARIO

Ferrovia dei due Mare, Fede: “Ottenuti quaranta milioni per la fattibilità. Dopo decenni di promesse”

Il senatore del M5S: "Lo stanziamento ricadrà sui territori"

PUBBLICITA’ ELETTORALE

  
weedy

“Per la Ferrovia dei Due Mari il sottoscritto, insieme al presidente della commissione Lavori Pubblici del Senato, Mauro Coltorti, abbiamo ottenuto 40 milioni di euro per lo studio di fattibilità dell’opera. Una svolta importante dopo decenni di promesse elettorali. Stando al Sistema Informativo Opere Strategiche, RFI ha iniziato a lavorare a quest’opera lo scorso aprile e concluderà entro il mese di dicembre”. Così il senatore Giorgio Fede, candidato come capolista nel listino plurinominale, in risposta all’articolo del comitato Ferrovia Salaria che ha chiesto ai candidati informazioni e una presa di posizione circa la realizzazione della tanto attesa quanto necessaria tratta.

“Quando siamo arrivati al governo – spiega – la ferrovia dei Due Mari era ferma da secoli e non c’era nulla di concreto. Le cose sono cambiate dal 2018. In commissione Lavori Pubblici, io e il presidente Mauro Coltorti, abbiamo chiesto e ottenuto uno studio di fattibilità. Questo è il punto essenziale di partenza per qualsiasi opera. Con tale passaggio sarà possibile valutare come completare l’opera, soprattutto per le tratte mancanti che sono Rieti – Passo Corese e Ascoli – Antrodoco. È stato solo grazie all’azione parlamentare del M5S – sottolinea ancora – se c’è stato questo passo in avanti: ritengo necessario precisarlo perché, ahimé, troppo spesso si travisano funzioni e competenze. Infatti RFI risponde solo al Governo e al Parlamento attraverso Anas. Noi del M5S abbiamo ottenuto il finanziamento di 40 milioni di euro che ricadrà sui territori, dopo di che potrà esserci l’azione conseguente degli enti territoriali. Ad esempio, i comuni dovranno decidere come inserire il tracciato nei piani regolatori e come facilitare l’avanzamento dell’opera affinché non si blocchi a causa di vicende locali. Da inizio legislatura seguo questa vicenda riuscendo, con il collega Gabriele Lorenzoni e con il costante appoggio del Presidente Coltorti, a rilanciare concretamente un progetto che era in stallo da oltre un secolo e che offrirebbe un futuro ai territori colpiti dal terremoto che, senza adeguate infrastrutture, non potranno considerarsi completamente ricostruite”.

La Lancette
Pappa e Ciccia

ANNUNCIO PUBBLICITARIO

ANNUNCIO PUBBLICITARIO

weedy
Avis Sbt 250
ecorigenerati 250

TI CONSIGLIAMO NOI…