cantine al borgo
domenica 23 Giugno 2024
Ultimo aggiornamento 13:48
cantine al borgo
domenica 23 Giugno 2024
Ultimo aggiornamento 13:48
Cerca

Decoro urbano, Fratelli d’Italia: “Amministrazione assente, brava solo nei proclami”

Traini e Bagalini: "Vivendo le vie dei quartieri e parlando con i cittadini si percepisce chiaramente che questa amministrazione ha gettato la spugna su molti fronti"
Pubblicato il 27 Ottobre 2023

SAN BENEDETTO DEL TRONTO. “L’amministrazione comunale continua ad essere assente nella gestione del decoro urbano e inerte nei confronti dei vandali”. Fratelli d’Italia torna all’attacco della maggioranza sul tema del decoro urbano, lamentando scarsa attenzione.

“Basta fare una veloce passeggiata in giro per la città, anche solo nelle zone più centrali, per imbattersi in cestini imbrattati o distrutti che emanano cattivi odori, biciclette e monopattini abbandonati dappertutto, pedalò ormeggiati nei posti più improbabili, edifici pubblici devastati recanti scritte e segni di ogni genere su porte, finestre e serrande che tanto ricordano i vessilli militari nelle terre di conquista, fontane con carcasse di pesci morti, puzza di urina per le strade e, per concludere, i bagni pubblici del centro messi fuori uso dai vandali che evidenziano il naufragio della grande opera pubblica promessa in campagna elettorale”.

L’elenco di Andrea Traini e Nicolò Bagalini è infinito: “Continuano anche gli assordanti schiamazzi notturni e le consuete risse ripetutamente segnalate dai residenti. Vivendo le vie dei quartieri e parlando con i cittadini si percepisce chiaramente che questa amministrazione ha gettato la spugna su molti fronti, tra cui la lotta al degrado urbano e al fenomeno del vandalismo. La cartina tornasole è data proprio dalla fallimentare gestione del problema dei bagni pubblici situati nella pineta del centro”.

Nel mirino in questo caso finisce Tonino Capriotti: “Tanti sono stati i proclami dell’assessore di riferimento. Impossibile dimenticare le sue dichiarazioni dove sottolineava, oltre alla riapertura della struttura, anche un suo ampliamento rimarcando, altresì, che il servizio sarebbe stato fruibile tutto l’anno in quanto assolutamente necessario. Ennesime promesse mancate tanto che, a distanza di un anno, la situazione è addirittura peggiorata: i bagni pubblici sono ancora chiusi, lo stato di degrado è ancora più evidente e, a fronte dello sbandierato ampliamento della struttura, ha trovato posto uno squallido bagno chimico maleodorante che rappresenta un vero e proprio pugno nell’occhio per gli avventori del centro. Proprio in questi giorni Il Comune di San Benedetto del Tronto ha ottenuto il riconoscimento come Comune che, tra gli oltre 1000 che usano l’app Municipium in Italia, ha gestito il maggior numero di segnalazioni dei propri cittadini: 8500 dall’inizio del progetto e ben quasi 3000 solo nel 2023. In altre parole in nostro sindaco è stato contento di festeggiare questo “premio” che conferma San Benedetto del Tronto essere la prima in Italia per degrado urbano, visto e considerato che app Municipium serve a segnalare le problematiche e le lamentele di cittadini e turisti”.

I meloniani concludono: “Ancora una volta questa amministrazione si è dimostrata bravissima nei proclami e nelle promesse, a volte riuscendo perfino a mistificare la realtà, ma i fatti sono sotto gli occhi di tutti e se il popolo mormora scontento un motivo ci sarà. Appare chiaro che, se non ci sarà un pronto cambio di passo su queste tematiche, a rimetterci, neanche a dirlo, sarà l’immagine della nostra città”.

TI CONSIGLIAMO NOI…