spadu top
martedì 28 Maggio 2024
Ultimo aggiornamento 18:30
spadu top
martedì 28 Maggio 2024
Ultimo aggiornamento 18:30
Cerca

Ballarin, Curzi e Capriotti: «Situazione di emergenza, gli interventi servono subito»

I due consiglieri di minoranza: «Interrogazione istituzionale pronta al protocollo. L'amministrazione renda conto dei suoi progetti»
Pubblicato il 20 Febbraio 2018

SAN BENEDETTO DEL TRONTO – Anche i consiglieri comunali Tonino Capriotti e Marco Curzi chiedono una risposta all’amministrazione riguardo alle tempistiche di intervento previste sullo stadio Ballarin e sui capannoni dell’associazione Amici del Carnevale. I due consiglieri hanno dichiarato l’intenzione di “protocollare un’interrogazione istituzionale”, nella quale chiedono conto all’amministrazione delle tempistiche entro le quali si interverrà sulle due parti della struttura.

“Facciamo riferimento alle notizie sui capannoni del Carnevale del vecchio campo sportivo “Fratelli Ballarin”. L’11 febbraio scorso polizia locale, vigili del fuoco e agenti del Commissariato sono dovuti intervenire in quell’area per alcune lastre pericolanti e per un cancello lasciato aperto – esordiscono i due consiglieri -. Già nel Novembre 2016 il Sindaco e tutto il Consiglio Comunale prese atto, attraverso un interrogazione, della situazione di degrado e di pericolo di quest’area già dichiarata precedentemente inagibile e pericolosa. All’epoca l’amministrazione si dichiarò ben disposta a intervenire, menzionando l’intervento nel bilancio preventivo presentato lo scorso anno”.

Nonostante le dichiarazioni d’intenti tuttavia, a oggi il Ballarin è ancora lontano dal vedere anche solo l’inizio degli interventi. Nel corso dell’incontro con i residenti del quartiere San Filippo Neri, il vicesindaco Andrea Assenti ha indicato maggio 2018 come il termine minimo prima del quale non sarà possibile intervenire adeguatamente, essendo ancora in vigore il vincolo di inalienabilità imposto nel 2008, tuttavia questo non sembra soddisfare l’opposizione che chiede a gran voce l’indicazione di una data. “Non esistono vincoli alla sicurezza e alla decenza – obietta lo stesso Capriotti -. Il vincolo a cui si riferisce l’assessore riguarda il campo sportivo Ballarin, non i capannoni del carnevale che stanno letteralmente cadendo a pezzi. Si può e occorre agire immediatamente se si vuole bene a questa città, senza avanzare scuse”.

“La cartolina che si presenta ai visitatori all’ingresso Nord della città è indecorosa – criticano poi entrambi i consiglieri -. I vigili del fuoco hanno provveduto a chiudere il varco e a limitare la pericolosità della situazione, ma questo non elimina i rischi presenti. Leggiamo dalla stampa queste descrizioni: i vecchi spogliatoi sono inondati d’acqua, parapetti e protezioni distrutte, buche profonde oltre mezzo metro riempite con pezzi di plastica e viavai di senza tetto nei mesi più caldi. Con questa pubblica denuncia vogliamo chiedere un crono programma di interventi mirati verso la zona in oggetto”.

Le richieste vanno dalla rimozione dei capannoni e del loro contenuto fino alla bonifica dell’area e la pulizia degli spazi interni e adiacenti allo stadio. Capriotti e Curzi chiedono inoltre che si apra nuovamente una discussione con tutta la città sul futuro dell’area.

“È nostra intenzione convocare le Commissioni da noi presiedute sul tema al fine di approfondire e aprire la discussione a tutta la città che da troppo tempo ormai si aspetta un’azione concreta e programmata”.

kokeshi
jako
garofano
coal
new edil
villa picena

TI CONSIGLIAMO NOI…