mercoledì 7 Dicembre 2022
Ultimo aggiornamento 23:25
mercoledì 7 Dicembre 2022
Ultimo aggiornamento 23:25

I farmacisti del Piceno ricordano Pasquale D’Avella. Toccante cerimonia durante l’incontro di Federfarma Ascoli

La presidente Righetti: "Un momento di doveroso ricordo per un professionista che si è impegnato a proiettarci verso il futuro"
jako

ASCOLI PICENO
Il futuro della farmacia italiana  e l’avvio della sperimentazione per la farmacia dei servizi nella regione Marche sono stati al centro della manifestazione indetta da Federfarma Ascoli per intitolare – con la benedizione del Vescovo Palmieri , alla presenza della moglie Lorella , dei figli Giuseppe e Claudia , tutti farmacisti –  la sala riunioni della sede di Federfarma Ascoli al compianto Pasquale D’Avella   , per molti anni,  presidente di Federfarma Ascoli e Marche  oltre che  vice presidente nazionale dei farmacisti rurali .

Alla presenza dell’Assessore alla Sanità della regione Filippo Saltamartini che,   recando il saluto del Governatore Acquaroli , ha fatto cenno al ruolo del farmacista nelle cure di prossimità e nel supportare il sistema sanitario regionale , anche il  sindaco di Ascoli Marco Fioravanti    ha focalizzato la funzione del farmacista per sostenere il cittadino,  specie nelle aree disagiate.

Patrizia Righetti presidente   di Federfarma Ascoli ha precisato” un momento doveroso ricordo per un professionista che si è impegnato , con intelligenza e dedizione, a proiettare i titolari di farmacia verso un futuro rappresentato proprio dall’avvio della farmacia dei servizi “.

E’ seguito   il  dibattito “dal sogno alla realtà:la farmacia dei servizi “ con i contributi e le idee di Roberto Tobia presidente dei farmacisti europei, del Sen. Luigi D’Ambrosio Lettieri vice presidente degli Ordini dei farmacisti,   di Gianni Petrosillo presidente dei farmacisti rurali italiani, Eugenio Leopardi presidente di Utifar con Marco Meconi   vice presidente di Federfarma Marche che ha sintetizzato  l’avvio della sperimentazione nelle  Marche. Ha ricordato “la figura del dr. D’Avella ha segnato l’inizio del nostro percorso nei servizi che dovranno segnare il futuro della farmacia, nelle Marche grazie al suo impulso e all’impegno dei nostri farmacisti e alla sensibilità della nostra regione  siamo stati tra i primi ad avviare l’attività di screening Covid con test e tamponi e la vaccinazione in farmacia , sia Covid che antinfluenzale, inoltre siamo stati la prima regione a presentare il cronoprogramma della farmacia dei servizi” . Le conclusioni sono state    di   Marco Cossolo – presidente nazionale –  che ha collegato la figura di D’Avella ai nuovi scenari di una professione sempre a servizio del cittadino .

© RIPRODUZIONE RISERVATA

PUBBLICITA’

pizzart
centrotermica 250

TI CONSIGLIAMO NOI…