spadu top
mercoledì 29 Maggio 2024
Ultimo aggiornamento 17:06
spadu top
mercoledì 29 Maggio 2024
Ultimo aggiornamento 17:06
Cerca

Il rappresentante dei lavoratori per la sicurezza: attributi e funzioni

I riferimenti normativi in materia sono rappresentati dagli articoli 37, 47 e 50 del D. Lgs. n. 81 del 2008
Pubblicato il 10 Ottobre 2023

Il rappresentante dei lavoratori per la sicurezza è il soggetto che ha il compito di rappresentare i lavoratori in relazione a tematiche che hanno a che fare con la sicurezza e la salute sul lavoro. I riferimenti normativi in materia sono rappresentati dagli articoli 37, 47 e 50 del D. Lgs. n. 81 del 2008. La presenza del rappresentante dei lavoratori per la sicurezza – indicato anche con la sigla RLS – è obbligatoria in tutte le aziende. In particolare, è richiesto un RLS nelle aziende che hanno fino a 200 dipendenti, mentre per le aziende con un numero di dipendenti compreso tra 201 e 1000 i RLS devono essere almeno 3; infine, non possono essere meno di 6 i RLS nelle aziende con più di 1000 dipendenti.

Ruolo e mansioni di un RLS

Il rappresentante dei lavoratori per la sicurezza deve essere consultato in modo tempestivo e preventivamente in relazione non solo alla valutazione dei rischi, ma anche per ciò che concerne l’identificazione, la pianificazione, l’esecuzione e il controllo della prevenzione nell’unità produttiva o in azienda. Egli rappresenta la sola figura che ha la facoltà di interagire per conto dei lavoratori e in qualità di fiduciario degli stessi, e ha il diritto di accedere ai luoghi di lavoro nei quali vengono svolte le mansioni.

Rappresentante dei lavoratori per la sicurezza: che compiti ha?

Il RLS, fra l’altro, è tenuto ad avvertire il responsabile aziendale in merito ai rischi identificati, e avanza proposte che riguardano l’attività di prevenzione. Inoltre, prende parte alla riunione periodica, in base a quanto previsto dall’articolo 35, e promuove la programmazione, l’identificazione e la messa in atto di misure di prevenzione finalizzate alla tutela dell’integrità fisica e della salute dei lavoratori. Ancora, il rappresentante dei lavoratori per la sicurezza formula osservazioni nel caso di verifiche o visite compiute dalle autorità competenti e ottiene informazioni dai servizi di vigilanza. Egli deve essere consultato in merito alla nomina degli addetti e del responsabile al servizio di prevenzione, relativa al primo soccorso, agli incendi o all’evacuazione dei luoghi di lavoro. Infine, il RLS si deve rivolgere alle autorità competenti nel caso in cui pensi che il datore di lavoro abbia adottato misure di protezione dai rischi e prevenzione non adeguate.

I corsi di formazione per il rappresentante dei lavoratori per la sicurezza

Il RLS, dopo che è stato eletto, ha diritto a ricevere una formazione specifica in tema di sicurezza e salute in azienda. Le spese correlate alla formazione a cui il rappresentante dei lavoratori per la sicurezza devono essere sostenute direttamente dal datore di lavoro, mentre i contenuti specifici della formazione – così come la durata e le modalità di erogazione della stessa – sono stabiliti attraverso la contrattazione collettiva nazionale, nel rispetto di specifici temi quali i principali soggetti e gli obblighi che spettano loro, i principi giuridici nazionali e comunitari, le nozioni di tecnica della comunicazione, la definizione e l’identificazione dei fattori di rischio e gli aspetti normativi riguardanti la rappresentanza dei lavoratori. Occorre tenere conto, inoltre, della legislazione speciale e generale in tema di sicurezza e salute sul lavoro e identificare le misure procedurali, organizzative e tecniche di protezione e di prevenzione.

Progetto81 e i corsi per i rappresentanti dei lavoratori per la sicurezza

Per i corsi di formazione destinati ai rappresentanti dei lavoratori per la sicurezza la durata minima è pari a 32 ore. Di queste, 12 ore devono riguardare i rischi specifici che si rilevano in azienda e le misure di protezione e di prevenzione che vanno adottate di conseguenza. Il rappresentante dei lavoratori per la sicurezza ha l’obbligo di frequentare con una specifica periodicità dei corsi di aggiornamento RLS, per un totale di 4 ore all’anno nel caso di aziende che hanno fino a 50 dipendenti e di 8 ore all’anno per le aziende che hanno oltre 50 dipendenti. Vale la pena di rivolgersi, a questo scopo, a Progetto81, realtà specializzata nella formazione per la sicurezza sul lavoro che fornisce i corsi di formazione attraverso la modalità e-learning in virtù di una piattaforma dedicata. Oltre al corso di formazione base da 32 ore, sono disponibili i corsi di aggiornamento da 4 e da 8 ore.

jako
coal
garofano
fiora
new edil
cna

TI CONSIGLIAMO NOI…