spadu top
sabato 13 Luglio 2024
Ultimo aggiornamento 09:10
sabato 13 Luglio 2024
Ultimo aggiornamento 09:10
Cerca

Ascoli, Gabriele Lavia porta al Ventidio Basso l’opera di Pirandello

“Il berretto a sonagli” sarà in scena sabato 25 e domenica 26 febbraio. Ad affiancare l’attore ci sono Francesco Bonomo, Matilde e Maribella Piana e Francesca De Martino
Pubblicato il 23 Febbraio 2023

ASCOLI. Approda al Ventidio Basso di Ascoli, sabato 25 e domenica 26 febbraio “Il berretto a sonagli”, spettacolo con Gabriele Lavia. Ad affiancare l’attore ci sono Francesco Bonomo, Matilde e Maribella Piana e Francesca De Martino. Scritta da Luigi Pirandello nel 1916, l’opera racconta le vicende di Ciampa, umile scrivano che ricorre alla follia per mantenere la facciata di rispettabilità del suo triste matrimonio.

Per Luigi Pirandello la vita è una “soglia” troppo affollata del “nulla”. E tutta la sua opera ruota attorno a questo “nulla” affollato di “apparenze”, di ombre che si agitano nel dolore e nella pazzia. Solo “i personaggi” sono “veri” e “vivi”.

Il berretto a sonagli è una tragedia della mente. Ma porta in faccia la maschera della “farsa”. Pirandello mette sulla scena un “uomo vecchio” uno di quegli uomini “invisibili”, senza importanza, schiacciato nella “morsa” della vita e, poiché è un “niente di uomo”, è trattato come se fosse niente: “Oh che ero niente io?” Questa “domanda disperata” nasconde la concezione di se stesso, torturata e orgogliosa, di un uomo dissolto nel “nulla” del mondo, un nulla affollato da fantocci, da pupi. Da fantasmi umani. Che spiano e che parlano. Parlano parole già “parlate”, consumate.
E sul nostro palcoscenico, “come trovati per caso”: un vecchio fondale “come fosse abbandonato” e pochi elementi, “come relitti” di un salottino borghese, e “per bene”, dove viene rappresentato un banale “pezzetto” di vita di una “famiglia perbene” o di una “famigliaccia per bene” che fa i conti con l’assillante angoscia di dover essere “per gli altri”, di fronte agli altri. Come se la propria vita fosse, per statuto, una recita per “gli altri” che sono gli spettatori ingiusti e feroci, della propria vita. Del proprio “teatro”.
Vita di uomini che non sono altro che un segno che indica il nulla, fatto di apparenze, di fantasmi, di tutto quello che l’“io” è per gli altri.
È l’“essere-per-gli-altri” a prendere il sopravvento perché l’“essere-con-gli-altri” è comunque il nostro “essere ineludibile”.
Ciampa “scrive”, ha un mondo suo, ma solo di notte, di nascosto, come i delinquenti, quando “gli altri” dormono.
Ma, di giorno: “Io sono quello che gli altri dicono che io sia”. Io sono la doxa, il “si dice“.
È proprio il “si dice” ad “essere” la stessa sostanza identitaria del mio “io”.
È il “segno” della perversione del mondo degli altri.
Quel “mondo degli altri” che percepisce il mio mondo come, appunto, il mio mondo (il mio essere) “appare” a lui, a quel mondo che “non” sono “io”.
Ma chi sono “io”? Chi è questo “io”? Questo “io” che è uno, nessuno e centomila.
Questo “io” è “uno” con me stesso e “un altro io” con ognuno degli altri “io” che vivono nella “società dei pupi”: “Pupi siamo… Pupo io, pupo lei… Pupi tutti…”.
Questo “io” è determinato, nel suo essere, dalle centomila interazioni sociali, amorose, erotiche, amicali che quelle “interazioni” contribuiscono a frammentare.
È questo “io” fatto a pezzettini che non ha più scampo.
L’unica speranza è difendere l’“io” dall’aggressione degli altri. Ma come?
Ciampa usa spranghe alle porte, catenacci, paletti per difendere il suo “io”. Ma non ci riesce.
È costretto a uscire, a “sporcarsi le mani”, direbbe Sartre. Esistere.
Ma esistere vuol dire “mettere in gioco” se stesso.
E allora la “corda civile” e la “corda seria” non servono più. È la “corda pazza” che scatta.
E scatta per tutti.
Non si può difendere il proprio “io” dagli attacchi del mondo. Non è possibile uscire dal mondo, uscire da noi stessi. Se lo facciamo siamo morti viventi. Gabriele Lavia

ASCOLI PICENO_TEATRO VENTIDIO BASSO 25 e 26 febbraio 2023

BIGLIETTI
in prevendita QUI 
BIGLIETTERIA DEL TEATRO
0736 298770, dal lunedì al sabato dalle ore 9.30 alle ore 12.30 e dalle ore 16.30 alle ore 19.30
la domenica di spettacolo dalle ore 16.30 alle ore 19.30
nei giorni di spettacolo botteghino del teatro, nei 45 minuti precedenti l’inizio della rappresentazione
BIGLIETTI
– platea e palco centrale I e II ordine                                            28 euro            ridotto 23 euro
– palco laterale I e II ordine, palco centrale III ordine              23 euro            ridotto 19 euro
– palco laterale III ordine, palco IV ordine                                  19 euro            ridotto 16 euro
– loggione                                                                                            14 euro            ridotto 11 euro
– speciale studenti*                                                                           14 euro
* riservato agli studenti delle scuole medie superiori e universitari, nei posti di palco laterale III e IV ordine
La riduzione è valida fino a 25 anni e oltre 65 anni. Riduzioni previste anche per possessori Marche Cultura Card e Carta Regionale dello Studente. Per Lo Schiaccianoci la riduzione è valida anche per gli iscritti scuole danza.

garofano
fiora
coal
jako
kokeshi
amat

TI CONSIGLIAMO NOI…