spadu top
mercoledì 22 Maggio 2024
Ultimo aggiornamento 02:24
spadu top
mercoledì 22 Maggio 2024
Ultimo aggiornamento 02:24
Cerca

Lavoro, tremila posti di lavoro in più nel Piceno. Mille solo ad agosto

Bachetti (Confindustria): "Dato incoraggiante legato al turismo"
Pubblicato il 16 Agosto 2017





ASCOLI PICENO – Oltre tremila nuovi posti di lavoro sono previsti nei prossimi mesi nelle aziende del Piceno. Maggiori opportunità occupazionali si troveranno in generale nel settore dei servizi. Parliamo soprattutto di impiegati, addetti alla vendita e ai servizi ma anche operai specializzati. Queste le professioni più ricercate dalle imprese picene tra agosto e ottobre prossimo. In tutto il territorio provinciale saranno 3.370 i lavoratori richiesti dalle aziende picene di cui 1.070 nel solo mese di agosto. In particolare considerando il settore di attività il 68,8 per cento dei nuovi posti di lavoro saranno concentrati nei servizi mentre soltanto il 31,7 per cento quello dell’industria.

“E’ un dato incoraggiante che coincide con il periodo estivo – commenta Massimiliano Bachetti presidente Confindustria Giovani Imprenditori Ascoli – dove storicamente nel nostro territorio c’è un aumento di richiesta da lavoro soprattutto in ambiti legati ai servizi e al turismo”. Maggiori opportunità di occupazione quindi si troveranno in generale nel settore terziario, soprattutto servizi alle persone tra cui sanità, istruzione, servizi culturali, al commercio e ai servizi legati all’accoglienza e alla ristorazione. Mentre all’interno del settore industriale più chance di trovare occupazione la daranno i comparti della meccanica, della metallurgia e della filiera alimentare. L’industria dell’alimentare e delle bevande è il settore che più di altri punterà sulle donne per coprire i posti di lavoro pianificati tra agosto e ottobre di quest’anno.

Quanto al profilo, per il 41,6 per cento si tratta di professionisti nel settore del commercio e dei servizi, per il 27,6 per cento operai specializzati e conduttori di impianti e macchine, per il 14,8 per cento dirigenti, specialisti e tecnici; mentre il restante 16 per cento riguarda professioni non qualificate. E’ quanto emerge dall’analisi del sistema informativo Excelsior, realizzata da Unioncamere in accordo con l’Anpal, sulle previsioni di assunzione delle imprese private dell’industria e dei servizi. In un momento non molto roseo per l’occupazione, in particolare quella giovanile, arriva un segnale positivo. “Il 35 per cento delle assunzioni interesseranno under 30 – aggiunge il presidente Bachetti – grazie alle agevolazioni statali e alla specializzazione nei vari settori dei nostri giovani. Come il pagamento regolare a norma di legge alle imprese che vantano crediti allo stato”.



jako
garofano
new edil
kokeshi
coal
casereccia 250

TI CONSIGLIAMO NOI…