venerdì 9 Dicembre 2022
Ultimo aggiornamento 04:21
venerdì 9 Dicembre 2022
Ultimo aggiornamento 04:21

“Sei uno che conta?”. L’inizativa dell’associazione dei diabeitici di San Benedetto

In collaborazione con l'Istituto Alberghiero
valelab

SAN BENEDETTO DEL TRONTO
“Sei uno che conta?” è l’originale titolo di una interessante iniziativa promossa dall’Associazione Onde Glicemiche, associazione dei diabetici di San Benedetto del Tronto in collaborazione con l’Istituto Alberghiero Buscemi. L’iniziativa svoltasi giovedì scorso presso la sala al terzo piano dell’istituto è consistita in una cena realizzata dagli insegnanti e dagli studenti dell’Alberghiero, dove per ogni piatto è stata eseguita la conta dei carboidrati, un passaggio indispensabile per stabilire con esattezza quanta insulina iniettare per una colazione, un pranzo o una cena.

Da qui il titolo “Sei uno che conta?”, partorito dal dinamico staff di Onde Glicemiche per sottolineare l’importanza di tale operazione. La cena è stata introdotta da due relazioni della dott.ssa Arianna Di Berardino dietista e nutrizionista del Centro Diabetico di San Benedetto e della dott.ssa Rosa Anna Rabini, Primario della Diabetologia dell’Area Vasta 5. La dott.ssa Rabini ha messo in evidenza l’importanza della conta nell’uso delle nuove tecnologie che oggi hanno migliorato in maniera significativa il controllo della glicemia, tra sensori e microinfusori, mentre la nutrizionista ha spiegato tra le varie cose che mangiare un piatto di verdure in apertura del pasto contribuisce ad evitare dannosi picchi glicemici.

La Presidente di Onde Glicemiche Sabrina Perozzi ha presentato l’attività dell’associazione impegnata a promuovere iniziative volte a diffondere la capillare conoscenza di tutte le problematiche inerenti questa disfunzione metabolica, che con il passare degli anni si sta diffondendo a macchia d’olio.

Il Presidente della sede di Ascoli Piceno della Federazione Italiana Cuochi (FIC) Simone Curzi, che ha collaborato alla realizzazione dell’evento, ha ricordato l’importanza della creazione di una rete di scambio tra le istituzioni, la scuola e i professionisti del settore enogastronomico con l’obiettivo comune di portare la conta dei carboidrati nei nostri ristoranti. Il vice capo d’istituto dell’Alberghiero Ercole Capriotti ha elogiato lo staff della scuola ribadendo la disponibilità a future iniziative di questo tenore. Alla cena erano presenti i componenti dello staff medico e di quello infermieristico della
Diabetologia.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

PUBBLICITA’

antica osteria del borgo
menoamara

TI CONSIGLIAMO NOI…