mercoledì 28 Settembre 2022
Ultimo aggiornamento 14:56

      FERMO       MACERATA       ANCONA       PESARO-URBINO       DALL’ABRUZZO      

logopng
mercoledì 28 Settembre 2022
Ultimo aggiornamento 14:56

PUBBLICITA’ ELETTORALE

ANNUNCIO PUBBLICITARIO

Quarant’anni dall’omicidio di Carlo Alberto Dalla Chiesa. L’Arma celebra il generale che iniziò la sua carriera a San Benedetto

Per l'anniversario sarà ricordato con la sua frase più celebre

PUBBLICITA’ ELETTORALE

  
jako

Il giudizio storico sul Generale C.A. Carlo Alberto Dalla Chiesa non solo è assodato, ma unanime e riconosciuto da ogni parte politica e vive nel ricordo di ogni cittadino perbene, ma soprattutto negli incubi di ogni disonesto che lo sogna alle sue spalle. Figlio d’arte (suo padre, Romano, era già Ufficiale dell’Arma dei Carabinieri), frequentò la Scuola Allievi Ufficiali di Complemento di Spoleto, in seguito prestò servizio in fanteria come Sottotenente nel 120° Reggimento Fanteria “Emilia”, partecipando per dieci mesi all’occupazione del Montenegro, per la quale ricevette due Croci di Guerra al Valore. Nell’ottobre del 1942, transitò nei Carabinieri Reali.

La sua vita nell’Arma dei Carabinieri cominciò nel dicembre 1942 proprio nella città rivierasca di San Benedetto del Tronto, suo primo incarico da giovane Ufficiale, quando gli venne assegnata la guida dell’allora Tenenza e dove rimase fino alla proclamazione dell’armistizio dell’8 settembre 1943. Trovandosi nella provincia di Ascoli Piceno, venne affrontato dai partigiani comunisti della zona che temevano che fosse il responsabile del blocco dei rifornimenti di armi che gli Alleati di tanto in tanto riuscivano a spedire via mare. Alla domanda “Lei con chi sta, Tenente, con l’Italia o la Germania?”, Dalla Chiesa rispose offrendo la sua collaborazione, ma a causa del suo rifiuto di collaborare nella caccia ai partigiani, fu preso di mira dai nazisti e fu costretto a fuggire.

Entrò quindi nella resistenza italiana, operando in clandestinità nelle Marche, unendosi alla “Brigata Patrioti Piceni” di stanza nella località montana di Colle San Marco di Ascoli Piceno. In seguito, divenne uno dei responsabili delle trasmissioni radio clandestine di informazioni per gli Americani.

Da lì, un seguito di successi, ma anche di fatica e sacrifici: impegno contro il banditismo in Campania ed in Sicilia, sostegno alle popolazioni del Belice colpite dal terremoto del 1968, lotta alle Brigate Rosse, smantellando diverse cellule terroristiche e poi lotta senza quartiere contro la Mafia in Sicilia che, purtroppo, gli risultò fatale. Fu anche Vicecomandante dell’Arma dei Carabinieri, come lo era stato il padre. Si trattava, allora, della più alta carica raggiungibile per un Ufficiale dei Carabinieri, giacché all’epoca, il Comandante Generale dell’Arma proveniva, per espressa disposizione di legge, dalle file dell’Esercito. Rimase in tale incarico fino al 5 maggio 1982 dopodiché, nominato Prefetto da pochi mesi, venne assassinato a Palermo, il 3 settembre 1982,
Il Generale C.A. Carlo Alberto Dalla Chiesa viene ricordato come uno dei maggiori protagonisti e servitori dell’Italia repubblicana e siede di diritto tra gli Eroi che l’Arma dei Carabinieri ha donato al Paese ed al Popolo italiano.

Nel 40° dalla sua morte, l’omaggio più bello è sicuramente quello di ricordarlo attraverso la sua frase più celebre: “Certe cose non si fanno per coraggio, si fanno solo per guardare più serenamente negli occhi i propri figli e i figli dei nostri figli”.

salute 23
ecorigenerati 250

ANNUNCIO PUBBLICITARIO

ANNUNCIO PUBBLICITARIO

euro 3 250
kokeshi
contaldo 250

TI CONSIGLIAMO NOI…