spadu top
martedì 28 Maggio 2024
Ultimo aggiornamento 13:01
spadu top
martedì 28 Maggio 2024
Ultimo aggiornamento 13:01
Cerca

Pronto soccorso nel caos, Canducci e Bottiglieri: “Da Assenti solo chiacchiere. Spazzafumo e Natalini continueranno a scambiarsi i complimenti?”

I due consiglieri all'attacco: "Ci chiediamo il fast truck geriatrico, esperimento tanto vantato dalla direzione generale dell’AST 5 non ha funzionato questa mattina?"
Pubblicato il 5 Marzo 2024

SAN BENEDETTO DEL TRONTO. Dopo la notizia che abbiamo dato questa mattina sulla situazione del Pronto soccorso, intervengono i due consiglieri comunali di opposizione Paolo Canducci  Aurora Bottiglieri. “La notizia data dalla Nuova Riviera – affermano – non fa altro che confermare la situazione drammatica  che si sta vivendo nella nostra città che noi denunciamo da mesi. Stamattina erano presenti al pronto soccorso del Madonna del Soccorso  50 pazienti :  3 codici rossi,18 arancioni , altri 29 pazienti con codici minori questi ultimi in attesa nella sala d’aspetto”.

Situazione alle ore 14 più o meno invariata tempi d’attesa: codici arancioni 101 minuti, azzurro 353 minuti, verde 468 minuti, bianco 443 fonte tratta  dal sito ufficiale dell’A ST  5 cureprimarie.it.

“Oggi 5 marzo martedì  quella che doveva essere una tranquilla mattinata feriale  si è trasformata in un incubo per molti pazienti e per i loro familiari tanto che ancora una volta si è deciso di  inviare i codici verdi al pronto soccorso di Ascoli Piceno con tutte le difficoltà legate a questa decisone visto che   ad aver bisognosi di cure  sono soggetti anziani anzi ci chiediamo il fast truck geriatrico, esperimento tanto vantato dalla direzione generale dell’AST 5 non ha funzionato questa mattina? Come si fa a dire che non esiste nessuna differenza del numero di accessi tra i due Pronto Soccorso  oppure già è arrivata l’estate  ;unico periodo in cui secondo la Natalini gli accessi al PS di San Benedetto erano maggiori di quelli di Ascoli Piceno”.

Bottiglieri e Canducci si dicono consapevoli del fatto che il problema non sia solo del Pronto Soccorso di San Benedetto ma  “è qui che si è data la sforbiciata maggiore: 5 posti in meno della medicina di urgenza ; un medico di meno ,un infermiere  notturno di meno.  Questo è il risultato  delle decisioni prese dalla dirigenza dell’AST che  ben sappiamo esegue gli ordini della  giunta Acquaroli  ma  ci chiediamo continueranno ad esserci gli scambi di complimenti tra il sindaco  Spazzafumo e la  direttrice generale Natalini? Il consigliere Assenti continuerà a dire che la nostra è una mera strumentalizzazione ?  Ci sembra evidente che le sue siano solo chiacchiere noi portiamo dati reali purtroppo”.

garofano
fiora
new edil
jako
coal
banca del piceno

TI CONSIGLIAMO NOI…