martedì 6 Dicembre 2022
Ultimo aggiornamento 17:59
martedì 6 Dicembre 2022
Ultimo aggiornamento 17:59

I ragazzi del pontino lungo dipingeranno anche altri sottopassi di San Benedetto. “Li proporrò per il Gran Pavese”

Il ringraziamento del sindaco Pasqualino Piunti a chi si è dato da fare nel tunnel: "Hanno agito con il cuore"
jako

SAN BENEDETTO DEL TRONTO – Dopo il pontino lungo anche altri sottopassaggi e tunnel della città saranno abbelliti con i murales dei writers cittadini e dei ragazzi della curva Nord. L’amministrazione comunale ha infatti deciso che i ragazzi che hanno abbellito il lungo tunnel che taglia in due il centro cittadino si occuperanno anche di altre zone, come sottopassaggi e gallerie pedonali, che si trovano lungo il territorio comunale al fine di abbellirle e di scoraggiare gli imbrattatori di muri come quelli che hanno agito, la scorsa settimana, per dispetto, proprio al pontino lungo.

Lo conferma il sindaco Pasqualino Piunti che, domenica mattina, ha incontrato insieme all’assessore Emanuela Carboni, alcuni di quei ragazzi. «Sono stati meravigliosi – spiega il sindaco – non finirò mai di ripeterlo, hanno agito in maniera completamente disinteressata e nel nome dell’amore per questa città. Abbiamo tutti da imparare da un gesto come quello ed è per questo motivo che, con il loro consenso, proporremo di effettuare il medesimo intervento anche per altre simili zone che si trovano sul territorio comunale della nostra città. Sono ragazzi in gamba che hanno fatto tutto ciò con il cuore e la città deve premiarli per questo motivo».

Nei giorni scorsi anche l’assessore alle politiche giovanili Pierfrancesco Troli, tra i principali promotori dell’inziaitiva, aveva incontrato i ragazzi ringraziandoli ufficialmente per il lavoro svolto. Il sindaco anticipa inoltre che proporrà, in occasione della prossima festa del patrono che si terrà nel mese di ottobre, il conferimento di uno dei Gran Pavese Rossoblu, una delle più importanti onorificenze cittadine, proprio a quei ragazzi come riconoscimento per l’attività fatta in maniera completamente disinteressata al servizio della città e per tenere viva la storia e la tradizione di San Benedetto con un’operazione che, al tempo stesso, tutela anche il decoro cittadino.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

PUBBLICITA’

la baia
contaldo 250

TI CONSIGLIAMO NOI…