spadu top
martedì 28 Maggio 2024
Ultimo aggiornamento 19:21
spadu top
martedì 28 Maggio 2024
Ultimo aggiornamento 19:21
Cerca

Dragaggio, una parte delle sabbie finirà nella vasca di colmata di San Benedetto

L'imboccatura sarà riportata ad una profondità di circa 4 metri. La ditta avrà 65 giorni per terminare l'intervento, il resto dei sedimenti sarà stoccato al largo di Ancona
Pubblicato il 3 Agosto 2017





SAN BENEDETTO DEL TRONTO – I lavori di escavo dell’imboccatura del porto sambenedettese avranno la durata massima di 65 giorni, a partire, come da contratto, dalla data del 28 luglio. L’escavo sull’area di ingresso e uscita dallo scalo, già interessata da due interventi nel 2007 e nel 2015, vanificati dalle continue mareggiate, sarà realizzato con la progettazione tecnica, la gestione dei lavori e le risorse economiche interamente messe a disposizione dall’Autorità di sistema portuale del mare Adriatico centrale.

Arriverà ad una profondità di 4 metri e sarà compiuto con una scrupolosa attenzione per l’ambiente e la qualità delle acque, secondo procedure già applicate nel porto di Ancona, sotto il costante monitoraggio dell’Arpa Marche-Agenzia regionale per la protezione ambientale. I sedimenti saranno parzialmente sommersi nella vasca di colmata del porto di San Benedetto, che diventerà poi un nuovo piazzale portuale, e in mare, a circa 6 miglia dall’area portuale di Ancona, come previsto dal Piano regolatore portuale dell’Autorità di Sistema Portuale.



coal
kokeshi
new edil
jako
fiora
mani in pasta

TI CONSIGLIAMO NOI…