spadu top
giovedì 30 Maggio 2024
Ultimo aggiornamento 20:59
spadu top
giovedì 30 Maggio 2024
Ultimo aggiornamento 20:59
Cerca

Assistenza domiciliare dei malati oncologici, via al progetto con la Fondazione Carisap

L'iniziativa vede coinvolte alcune Organizzazioni del Terzo Settore composte da AIL, Bianco Airone, Cooperativa sociale Gea, Iom Ascoli Piceno
Pubblicato il 24 Maggio 2021

Grazie al coinvolgimento ed al ruolo attivo della Fondazione Cassa di Risparmio di Ascoli Piceno, è partita una coprogettazione finalizzata alla costituzione di un nuovo intervento in rete per l’assistenza domiciliare dei malati oncologici e terminali che vede coinvolte alcune Organizzazioni del Terzo Settore composte da AIL, Bianco Airone, Cooperativa sociale Gea, Iom Ascoli Piceno; per la realizzazione dell’iniziativa in coprogettazione la Fondazione Carisap ha stanziato l’importo di € 300.000 ed ha attivato un’ampia e condivisa consultazione con i distretti sanitari di Ascoli Piceno e San Benedetto del Tronto dell’Asur Marche Area Vasta n. 5.

L’intervento vuole garantire l’unitarietà della presa in carico del paziente e della famiglia da parte dell’équipe di assistenza, attraverso una figura innovativa – quella del “case manager” – che coordina l’intervento dei diversi professionisti e favorisce il rapporto fra la famiglia, l’équipe domiciliare, l’assistenza domiciliare attivata dai distretti sanitari e i medici che hanno in cura il paziente.

Il progetto infatti persegue due obiettivi: 1. Omogeneizzare gli interventi di assistenza domiciliare sul territorio di competenza della Fondazione; 2. Rafforzare la collaborazione e favorire il raccordo fra le équipe e i servizi (ASUR, ADI, Medici di medicina generale, reparti ospedalieri – UOC, servizi sociali di riferimento) superando la logica della prestazione e focalizzandosi sulla presa in carico della persona e dei suoi familiari rispondendo in modo diretto alla soddisfazione delle necessità delle persone malate.

Il progetto è stato pensato per sopravvivere alla fase sperimentale, in un’ottica di sostenibilità; la valutazione delle attività progettuali è svolta da un team della Fondazione che vede il coinvolgimento di assegnisti di ricerca dell’Università Politecnica delle Marche e di un coordinatore senior di valutazione di impatto, con esperienza consolidata in ambito nazionale ed internazionale.

La rete è composta dalle seguenti Organizzazioni che operano in modo coordinato e con un alto livello di specializzazione:

Lo IOM di Ascoli Piceno svolge assistenza domiciliare gratuita ai malati oncologici e sostegno alle famiglie grazie ad una équipe di professionisti composta da case manager e medico che insieme alla segreteria coordinano fisioterapisti, OSS (Operatori Socio Sanitari), psico-oncologi, volontari domiciliari tra cui un barbiere-parrucchiere e una podologa. L’Associazione mette inoltre a disposizione presidi ospedalieri, che vengono recapitati dai volontari, utili a gestire la quotidianità del malato nella propria abitazione. Segreteria IOM Ascoli Piceno 0736.780849 – 333.1252563

L’AIL Ascoli Piceno è impegnato nell’assistenza dei malati ematologici e delle loro famiglie offrendo loro informazioni, servizi, possibilità di condividere e comprensione. AIL offre un servizio di assistenza domiciliare a favore del paziente emopatico cronico. La Casa di accoglienza AIL è un alloggio gratuito offerto a pazienti onco-ematologici e familiari che provengono da lontano per curarsi presso l’U.O.C. Ematologia dell’Ospedale Mazzoni. Segreteria AIL Ascoli Piceno: 3391311424 – 0736342018

BIANCO AIRONE ONLUS mette a disposizione due automobili per il trasporto dei pazienti oncologici dalla loro residenza all’ospedale, clinica privata o altro, e ritorno alla residenza. Al paziente è richiesta la sola spesa del carburante.

Tre volontari si alternano nella sede dell’associazione e svolgono, per i pazienti, tutto ciò che i familiari non possono fare, dai rimborsi regionali, all’invalidità, all’esenzione e quant’altro.

Informazioni: 342 8460441 (Ornella), 333 5652788 (Fabiana), 389 4688838 (Sabrina)

COOPERATIVA SOCIALE GEA realizza e promuove progetti sperimentali di assistenza domiciliare pluridisciplinare “Resto a Casa” con la collaborazione di enti pubblici, privati e volontariato. Organizza interventi pubblici per sensibilizzare e informare la cittadinanza sui temi che riguardano l’assistenza socio-sanitaria a malati oncologici. Promuove incontri con le famiglie e operatori interessati per fornire conoscenze specifiche sull’assistenza e sulla relazione con i pazienti oncologici, nell’ottica bio-psico-sociale.

Informazioni: 0733.32827 – 351.8780736 (dal lunedì al giovedì 9:00 13:00, venerdì 14:30 18:30)

new edil
kokeshi
fiora
jako
garofano
ego

TI CONSIGLIAMO NOI…