spadu top
mercoledì 22 Maggio 2024
Ultimo aggiornamento 03:56
spadu top
mercoledì 22 Maggio 2024
Ultimo aggiornamento 03:56
Cerca

Ripatransone, in arrivo una mozione sulle antenne della torre civica: “Non sappiamo nulla sui rischi”

L'opposizione incalza il sindaco
Pubblicato il 28 Maggio 2020

RIPATRANSONE – Continuano a far discutere, a Ripatransone, le antenne installate sulla Torre Civica “la più tecnologica del centro storico della Città di Ripatransone – affermano dall’opposizione Antonio De Angelis, Roberta Capocasa, Luca Vitale e Giada Pierantozzi – con le antenne passate da otto a dodici, così come la convenzione per l’installazione di un’ulteriore antenna all’interno del cimitero. Antenne presenti nel nostro territorio ma di cui non si conosce nulla: frequenze, entità delle radiazioni che emanano, distanza di sicurezza, limitazione del tempo di esposizione, utilità, pericolosità”.

I quattro consiglieri della minoranza affermano che il “15 novembre 2018 è stato firmato un accordo tra l’Associazione dei Paesi Bandiera Arancione e INWIT Spa, società di infrastrutture di Telecom. Dicono che ciò garantirà un “aumento” di copertura sui territori dei Comuni Bandiera Arancione, di cui Ripatransone fa parte, sia per la telefonia mobile che per la trasmissione dati multi-operatore in linea con il 5G e con gli sviluppi che questa tecnologia è destinata a raggiungere e implementare nei prossimi mesi”.

“Nessuno – continuano – vuole bloccare il progresso, nessuno vuole tornare ai segnali di fumo, riteniamo però che in un momento storico in cui il tema della salute ha necessariamente monopolizzato l’attenzione collettiva, sia d’obbligo la massima cautela. Diversi ed autorevoli studi condotti su scala internazionale, hanno dimostrato il nesso tra le radiofrequenze 5G, ed altre, e lo sviluppo di alcune forme di tumore. Lo stesso Comitato scientifico sui rischi sanitari della Commissione europea afferma che ‘il 5G lascia aperta la possibilità di conseguenze biologiche'”.

De Angelis, Capocasa, Vitale e Pierantozzi parlano di malattie oncologiche e dichiarano: “Fino a quando la scienza non avrà fatto chiarezza riguardo ai possibili effetti cancerogeni sulla salute pubblica, è opportuno sospendere ogni forma di installazione e sperimentazione legata al 5G, ricontrollando anche le esistenti come, peraltro, hanno fatto tanti Sindaci di buon senso.Non è un obbligo di legge ma solo una scelta etica oltre che politica. Ipotizzare, poi, l’installazione di antenne 5G nei parchi urbani, sportivi e nel centro storico solo per fare cassa, è inaccettabile. Lunedì 1 giugno 2020, sarà presentata una mozione, in tal senso, per impegnare l’Amministrazione comunale al no al 5g, su tutto il territorio comunale”.

kokeshi
jako
coal
garofano
new edil
picenambiente

TI CONSIGLIAMO NOI…