trofeo degli chalet
lunedì 24 Giugno 2024
Ultimo aggiornamento 17:37
trofeo degli chalet
lunedì 24 Giugno 2024
Ultimo aggiornamento 17:37
Cerca

Nasce l’associazione «La Mel’Arancia», primo traguardo dell’intesa sugli agrumeti storici del Piceno

Avrà sede a Grottammare e riunirà produttori di agrumi, proprietari di giardini storici e appassionati
Pubblicato il 13 Dicembre 2017

GROTTAMMARE – È con grande soddisfazione che l’amministrazione di Grottammare ha accolto la presentazione ufficiale della neonata associazione “La Mel’Arancia”, frutto della collaborazione intercomunale con l’associazionismo in ambito agricolo, archeologico e culturale che si è condensato nel protocollo d’intesa firmato nel febbraio scorso e dedicato alla riscoperta degli agrumeti storici del Piceno.

L’associazione si unisce dunque al fronte comune di sforzi che sono in corso per la riscoperta dei giardini storici e degli agrumeti che hanno rappresentato un comune denominatore nella storia di tutto il territorio, dalla Riviera fino ad alcune comunità pedemontane.

“Si tratta di un traguardo importante. In poco più di un anno – ha spiegato l’assessore Lorenzo Rossi – Abbiamo assistito all’instaurazione di un processo virtuoso, fatto di molte iniziative volte alla riscoperta di questo pezzo di storia del territorio e ancora altre ce ne possiamo aspettare adesso che questa realtà associazionistica si è concretizzata. La nascita de “La Mel’Arancia è la riprova della serietà dei propositi del protocollo d’intesa e la volontà di renderli concreti”.

Il sindaco di Grottammare Enrico Piergallini ha posto l’accento sull’importanza dell’attività associazionistica nel territorio, descrivendola come “Un sintomo della saluta del territorio e della sicurezza e disponibilità che vengono dall’amministrazione”. Il primo cittadino ha poi aggiunto: “La nostra storia è il nostro futuro. Il recupero della cultura degli agrumeti, gli studi archeologici che si stanno svolgendo in questo settore pavimenteranno la strada per il futuro della città”.

A presiedere la neonata associazione è Germano Vitelli, che ha illustrato il ruolo che La Mel’Arancia andrà a ricoprire nel settore: “Gli studi sulla realtà e sulla cultura degli agrumeti hanno portato a comprendere che questo tipo di coltivazioni abbiano in passato svolto un ruolo di congiunzione fra le diverse comunità del territorio, molto più profondo di quello che pensassimo. Con la fondazione de La Mel’Arancia si aggiunge un altro elemento al gruppo di lavoro già sul campo che opera attivamente per il recupero della cultura legata agli antichi aranceti, sia da un punto di vista agricolo, che da un punto di vista architettonico, alla luce delle numerose strutture caratteristiche di questa realtà, che da un punto di vista commerciale, volendo portare a un riconoscimento delle varietà autoctone di arancio e delle loro proprietà uniche”.

Oltre al presidente Vitelli, il direttivo dell’associazione è composto dal vicepresidente Giovanni Massicci, dal tesoriere Raniero Iacoponi e dal consigliere Vermiglio Ricci. All’associazione hanno già aderito quindici membri, fra proprietari di giardini storici e di agrumenti e appassionati privati. Un’apertura futuribile sarà verso i vivaisti, con i quali l’associazione auspica di poter contribuire al ripopolamento del territorio con le varietà di arancio locali.

TI CONSIGLIAMO NOI…