mercoledì 30 Novembre 2022
Ultimo aggiornamento 04:25
mercoledì 30 Novembre 2022
Ultimo aggiornamento 04:25

Nasce il progetto ‘Cult’. Otto associazioni unite per rigenerare i luoghi dimenticati della città

Il progetto, che avrà durata di tre anni, ha lo scopo di organizzare attività culturali e sociali in aree dimenticate
utes

SAN BENEDETTO DEL TRONTO
E’ stato ufficialmente presentato il progetto Cult, acronimo di Cambiamento Uguaglianza Libertà e Territorio, che mette insieme gli sforzi di otto associazioni cittadine sotto l’egida del Comune per riportare alla vita gli angoli dimenticati della città. L’iniziativa, promossa dai cittadini e recepita dall’Amministrazione comunale, è stata presentata dai rappresentanti delle organizzazioni coinvolte alla presenza dell’assessore alle Politiche Sociali Andrea Sanguigni.

Il progetto, che avrà durata di tre anni, ha lo scopo di organizzare attività culturali e sociali in aree della città dimenticate, operando in tal senso una rigenerazione del tessuto urbano e un maggior coinvolgimento dei cittadini nelle attività della città. Le stesse attività che il progetto intende generare variano ampiamente tra tra cinema, fotografia, arte, musica, supporto psicologico e sociale, così come vari sono i settori in cui operano le associazioni.

In una prima fase, il progetto porterà Cult dai Comitati di Quartiere, per raccogliere informazioni ed eseguire una mappatura della città che serva allo scopo di individuare le aree più idonee a ospitare le iniziative.

In secondo luogo, Cult ambisce ad ampliare la propria base di partecipazione, incentivando il coinvolgimento di altre associazioni e di privati cittadini che desiderano dare corpo a proprie idee e progetti, amplificando l’effetto di rigenerazione del tessuto urbano che è l’obiettivo principale dell’opera.

“L’iniziativa – ha detto l’assessore Sanguigni – è stata accolta con grande favore dall’Amministrazione, che può così sostenere il lavoro svolto dai cittadini per i cittadini. Con la collega assessore alla Cultura, Lina Lazzari, abbiamo subito visto il potenziale di questa proposta e abbiamo voluto aprirle le porte, dando tutto il supporto affinché il progetto si sviluppi e permetta a tante realtà e a tante idee, che oggi hanno poca o nessuna voce, di fare la propria parte per il bene di San Benedetto”.

“Si tratta – spiegano gli organizzatori – di un’associazione temporanea di scopo, che unisce realtà attive in diversi campi per tracciare un percorso che speriamo possa invogliare altri cittadini come noi a mettersi in gioco e ad animare con iniziative di propria invenzione ogni angolo di San Benedetto, specialmente quelli meno utilizzati, anche dimenticati, dalla vita sociale e culturale della nostra città”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

PUBBLICITA’

campanelli 250
spadu

TI CONSIGLIAMO NOI…