spadu top
giovedì 25 Luglio 2024
Ultimo aggiornamento 03:24
giovedì 25 Luglio 2024
Ultimo aggiornamento 03:24
Cerca

Pochi tamponi e troppa pressione sugli ospedali. Le Marche rischiano di restare in zona arancione

L'indice di contagio è in progressivo calo ma non è l'unico fattore
Pubblicato il 27 Novembre 2020

Nelle prossime ore dovrebbe in teoria scadere il termine relativo al livello di allarme “Arancione” istituito due settimane fa dal Ministero della Sanità per la Regione Marche. Regione che nel frattempo ha visto scendere in maniera progressiva il famigerato indice di contagio che però non rappresenta l’unico fattore determinante per la “classificazione” regionale. Nel corso di un telefonata avvenuta ieri tra il presidente Acquaroli e il ministro della Salute Speranza è infatti venuto fuori che per le Marche non ci sono grosse possibilità di tornare al livello giallo. Il motivo? In primo luogo la pressione sugli ospedali e, in particolar modo, sulle terapie intensive che continua ad essere elevata. E poi c’è la capacità diagnostica che a Roma giudicano non sufficiente. In parole povere nelle Marche si fanno pochi tamponi. Una vera e propria croce per la giunta targata Acquaroli che sembra non riuscire a risolvere la questione visto che, di fronte alle richieste dell’assessorato diretto da Saltamartini, gli approvvigionamenti continuano ad essere pochi. 

jako
garofano
coal
new edil
fiora
sbizzura 250

TI CONSIGLIAMO NOI…