https://www.fondazionecarisap.it/
giovedì 22 Febbraio 2024
Ultimo aggiornamento 05:17
https://www.fondazionecarisap.it/
giovedì 22 Febbraio 2024
Ultimo aggiornamento 05:17

Mazzone, il ricordo dei nipoti: “Non c’è stato mai un lunedì che non fosse a casa con noi”

"Ci diceva sempre che dobbiamo essere forti, educati e gentili con tutti. La famiglia per lui era la cosa più importante"

Pubblicato da 

Massimo Falcioni
 lunedì 21 Agosto 2023

ASCOLI PICENO. Commozione, lacrime e applausi scroscianti nella chiesa di San Francesco quando a prendere la parola sono stati i nipoti di Carlo Mazzone.

“Mai avrei pensato di vivere questo giorno, purtroppo è arrivato”, ha detto Vanessa. “Oggi lui ha iniziato la sua partita per sempre, quella con Dio. E’ stato un allenatore per tante squadre, tantissime. In qualsiasi parte d’Italia ci raccontano aneddoti su di lui, ma è stato allenatore soprattutto della nostra famiglia e per capitano ha avuto una donna fortissima. Noi siamo una squadra imbattibile. Non saremo mai soli nonno, mai. Lui ha sempre professato calcio e famiglia. Non c’è stato mai un lunedì che non fosse a casa con noi. Se si perdeva si stava zitti, se si vinceva facevamo quello che volevamo. Non ha lasciato nulla a caso, fino alla fine. Se ne è andato il suo giorno, il 19, lui è nato il 19 marzo. Ci diceva sempre che dobbiamo essere forti, educati e gentili con tutti. La famiglia per lui era la cosa più importante. E’ stato un insegnante di pallone e di vita”.

Ha trattenuto a fatica le lacrime Alessio: “Ci diceva sempre che dobbiamo essere forti, educati, rispettosi, gentili con tutti. La famiglia per lui era la cosa più importante, tornava ogni domenica. Il ricordo più bello rimarranno quelle domeniche in cui vedevo le partite assieme a lui. Ho iniziato ad amare il pallone grazie a lui. E’ stato un insegnante di vita. Spero di essere almeno un quarto di quello che sei stato tu”.

Infine, è stato il turno di Iole: “È uno dei casi in cui il silenzio vale più di mille parole. Spesso quando qualcuno ci lascia si dice che lascia un vuoto. Io invece mi sento piena dell’affetto, dei ricordi, delle sue parole. Vedere tutte queste persone è la conferma che nonno ci ha lasciato tanto”.

© LA NUOVA RIVIERA|RIPRODUZIONE RISERVATA

Le ultime notizie

fiora
coal
salone bio 2
kokeshi
garofano
new edil
senduicceri

TI CONSIGLIAMO NOI…