sabato 1 Ottobre 2022
Ultimo aggiornamento 09:45

      FERMO       MACERATA       ANCONA       PESARO-URBINO       DALL’ABRUZZO      

logopng
sabato 1 Ottobre 2022
Ultimo aggiornamento 09:45

PUBBLICITA’ ELETTORALE

ANNUNCIO PUBBLICITARIO

Falsi green pass e vaccini gettati nei rifiuti. Il medico ascolano può tornare a lavorare

Dopo aver riacquistato la piena libertà a luglio è arrivata la revoca della sospensione dell'Ordine professionale

PUBBLICITA’ ELETTORALE

  
weedy

L’Ordine dei Medici ha revocato la sospensione al medico ascolano che, all’inizio dell’anno, era stato arrestato per la vicenda dei green pass falsi. Il medico ammise subito le proprie responsabilità affermando che i suoi pazienti gli consegnavano spontaneamente 100 euro per il vaccino, che non veniva fatto, che garantiva loro il green pass. Il medico, di fatto, inseriva i nomi delle persone interessate nel database delle persone vaccinate e il ministero, considerata la procedura effettuata, rilasciava la certificazione.

Le indagini erano state portate avanti dei carabinieri che avevano ricostruito il modus operandi del medico anche attraverso delle microcamere che avevano appurato come i vaccini non inoculati venissero a volte gettati anche nei bidoni dell’immondizia.

Come detto il dottore all’inizio dell’anno era stato arrestato e portato in carcere poi la detenzione si è trasformata in arresti domiciliari. A luglio, quest’estate, era tornato pienamente in libertà. L’Ordine dei Medici aveva preso atto della decisione del Tribunale e la presidente Fiorella De Angelis ha dichiarato la sospensione priva di effetti a partire dalla data del 2 luglio.

Il dottore ha collaborato fin dall’inizio alle indagini così come molti dei suoi pazienti ai quali è contestata l’accusa di di corruzione di pubblico ufficiale per esercizio contrario ai doveri d’ufficio.

antica osteria del borgo
ecorigenerati 250

ANNUNCIO PUBBLICITARIO

ANNUNCIO PUBBLICITARIO

marina 250
La Lancette
stuzziko

TI CONSIGLIAMO NOI…