mercoledì 28 Settembre 2022
Ultimo aggiornamento 00:59

      FERMO       MACERATA       ANCONA       PESARO-URBINO       DALL’ABRUZZO      

logopng
mercoledì 28 Settembre 2022
Ultimo aggiornamento 00:59

PUBBLICITA’ ELETTORALE

ANNUNCIO PUBBLICITARIO

Controlli della Finanza ai distributori di benzina: “L’80% non in regola con gli obblighi di comunicazione”

Report delle Fiamme Gialle Fermane

PUBBLICITA’ ELETTORALE

  
caffe del borgo 250

Le Fiamme Gialle fermane, nel corso della stagione estiva che volge al termine, hanno posto in essere un’intensificazione dell’azione di vigilanza diretta al contrasto di ogni forma di abusivismo e manifestazione di illegalità, nonché alla prevenzione e repressione dello spaccio e consumo di sostanze stupefacenti.

In particolare, in considerazione del perdurare degli aumenti dei prezzi dei carburanti praticati al pubblico, nonché dell’accresciuto traffico veicolare, sono state potenziate le attività nei confronti degli impianti di distribuzione stradale, con l’effettuazione di 11 controlli volti alla verifica dell’osservanza degli obblighi di comunicazione al Ministero dello Sviluppo Economico dei prezzi praticati e di corretta esposizione degli stessi, nonché al riscontro della loro corrispondenza con quelli effettivamente applicati “alla pompa”.

Si tratta di interventi mirati che hanno interessato una platea di soggetti caratterizzati da profili di rischio, selezionati sulla base di analisi svolte, a livello centrale, dal Nucleo Speciale Antitrust della Guardia di Finanza.

Al termine delle ispezioni è emerso che l’80% dei distributori controllati non è risultato in regola con gli obblighi di comunicazione, con conseguente irrogazione di sanzioni pecuniarie amministrative a seguito di contestazione quali l’omessa comunicazione al Mi.S.E. dei prezzi praticati (portale “Osservaprezzi Carburanti”), la comunicazione di prezzi inferiori a quelli effettivamente applicati al momento dell’erogazione o, ancora, l’irregolare pubblicizzazione degli stessi.

Per tali violazioni, sono stati interessati i Comuni competenti per territorio in quanto titolari del potere di irrogare le previste sanzioni amministrative, comprese, per tutte e tre le casistiche accertate, tra un minimo di € 516,00 e un massimo di € 3.098,74.

Il dispositivo di prevenzione e deterrenza continuerà ad essere dispiegato sull’intera filiera, con controlli nei confronti di depositi commerciali, distributori stradali e sulla circolazione di prodotti petrolieri sottoposti ad accisa ed imposte di consumo.

L’intensificazione dell’attività di controllo per il contrasto ai traffici illeciti si è altresì estrinsecata in un potenziamento della vigilanza nelle zone più sensibili della provincia (stazioni ferroviarie, altri scali del trasporto pubblico, strutture ricettive e luoghi di aggregazione), grazie anche all’impiego delle unità cinofile, specificamente addestrate alla ricerca ed al rinvenimento di sostanze stupefacenti.

Nello specifico, i militari hanno identificato 2.069 persone e controllato 1.394 veicoli. Sono stati sequestrati 10,5 kg di diverse sostanze stupefacenti (marijuana, hashish, cocaina ed eroina), per un valore stimato di circa 235 mila euro, con denuncia all’Autorità Giudiziaria di 7 responsabili (tra italiani e stranieri), di cui due tratti in arresto in flagranza di reato, per produzione, detenzione e spaccio, in violazione dell’articolo 73 del Testo Unico delle leggi in materia di stupefacenti; sono state, altresì, segnalate alle competenti Prefetture ulteriori 73 persone, ai sensi dell’articolo 75 del medesimo Testo Unico.

Importanti risultati sono stati conseguiti anche nell’ambito della lotta alla contraffazione marchi e dell’attività posta in essere a tutela della sicurezza prodotti, diritto d’autore e del Made in Italy. I finanzieri hanno sottoposto a sequestro circa mille capi di abbigliamento e calzature (che avrebbero fruttato guadagni illeciti per un ammontare di oltre 9 mila euro), denunciando 4 responsabili all’Autorità Giudiziaria, ai sensi degli artt. 473 e 474 del codice penale, per aver contraffatto o alterato marchi e segni distintivi, nazionali ed esteri di prodotti industriali e per averli introdotti in commercio con segni falsi.

Infine, nel comparto tributario, i Reparti del Comando Provinciale hanno effettuato 254 ispezioni e riscontrato 34 irregolarità in materia di memorizzazione elettronica e trasmissione telematica dei dati e dei corrispettivi.

arbitri
Pappa e Ciccia

ANNUNCIO PUBBLICITARIO

ANNUNCIO PUBBLICITARIO

utes
nave cervo
bagnini 250

TI CONSIGLIAMO NOI…