cantine al borgo
sabato 22 Giugno 2024
Ultimo aggiornamento 15:31
cantine al borgo
sabato 22 Giugno 2024
Ultimo aggiornamento 15:31
Cerca

Chiusa in auto e pestata a sangue da tre persone. Donna salvata dai carabinieri

E' accaduto a Montegranaro. Per lei la prognosi è di trenta giorni. I suoi aggressori sono finiti in manette
Pubblicato il 24 Novembre 2023

MONTEGRANARO. E’ stata una telefonata ad allertare le forze dell’ordine che sono intervenute evitando il peggio. E’ accaduto a Montegranaro e l’intervento ha portato all’arresto di tre individui: un albanese 23enne, irregolare sul territorio nazionale e destinatario di un decreto di espulsione, un albanese classe 22enne, pregiudicato e regolare, e un albanese classe di 28 anni, regolare.

L’operazione è scaturita dalla rapida risposta dei Carabinieri alla segnalazione di alcuni utenti che avevano notato una donna accerchiata e aggredita da tre uomini in una zona agricola del comune di Montegranaro. I militari, intercettando il veicolo con cui i quattro si erano allontanati, hanno accertato che la vittima, una giovane del Kosovo irregolare sul territorio nazionale, era stata ripetutamente picchiata dai tre uomini, suoi conoscenti, per motivi in corso di approfondimento e verosimilmente legati al mondo dello sfruttamento della prostituzione.

La donna era stata trattenuta contro la sua volontà all’interno dell’auto, sotto minacce. La vittima, nonostante inizialmente restia a collaborare, è stata visitata presso l’Ospedale di Fermo e dimessa con una prognosi di 30 giorni per “lesioni multiple al volto, capo, arti superiori e inferiori, e frattura ossa nasali”. Successivamente è stata collocata in una struttura protetta. In seguito alle formalità di polizia giudiziaria e come disposto dalla Procura della Repubblica di Fermo, informata tempestivamente dai Carabinieri, uno degli albanesi, incensurato, è stato tradotto agli arresti domiciliari presso la propria abitazione.

Gli altri due sono stati trattenuti presso le camere di sicurezza del Comando. Nel corso dell’udienza di convalida dell’arresto i tre venivano sottoposti alla misura dell’obbligo di presentazione alla polizia giudiziaria in attesa dei c.d. termini a difesa richiesti dal loro legale. Sono in corso ulteriori approfondimenti per risalire alle cause della violenta aggressione. 

TI CONSIGLIAMO NOI…