martedì 27 Settembre 2022
Ultimo aggiornamento 23:45

      FERMO       MACERATA       ANCONA       PESARO-URBINO       DALL’ABRUZZO      

logopng
martedì 27 Settembre 2022
Ultimo aggiornamento 23:45

PUBBLICITA’ ELETTORALE

ANNUNCIO PUBBLICITARIO

Campioni in campo al Mandela. Fiamme Oro contro Valorugby nel nome della solidarietà e di Pierluigi Camiscioni

L'iniziativa servirà a finanziare l'acquisto di una vasca per il parto in acqua destinata all'ospedale

PUBBLICITA’ ELETTORALE

  
cna

Domani, sabato 17 settembre si svolgerà al campo sportivo Nelson Mandela a partire dalle ore 16 la seconda edizione del Trofeo Pierluigi Camiscioni, istituito in memoria dell’ex rugbista scomparso nel 2020. L’evento sarà promosso dall’Unione Rugby San Benedetto e vedrà disputarsi l’incontro sportivo valevole per la prima partita della Coppa Italia tra le squadre Fiamme Oro Rugby e Valorugby Emilia. Oltre che per la valenza sportiva, l’iniziativa vedrà la destinazione di parte dell’incasso per l’acquisto di dispositivi sanitari per l’Asur.

L’iniziativa è stata presentata questa mattina, in Comune a San Benedetto, nel corso di una conferenza moderata da Eugenio Anchini. A partecipare sono stati  il sindaco Antonio Spazzafumo e il Questore di Ascoli Vincenzo Massimo Modeo, insieme all’assessore allo Sport Cinzia Campanelli, al presidente dell’Unione Rugby Edoardo Spinozzi, ad una delegazione delle Fiamme Oro Rugby nelle persone del coordinatore Massimo Maurotto e del direttore sportivo Massimo Gaudieri e ad una rappresentanza del Valorugby con il direttore generale Roberto Manghi.

Soddisfazione per l’organizzazione dell’inizaitiva da parte del sindaco Spazzafumo: “Pierluigi Camiscioni è stato il simbolo del rugby qui a San Benedetto e non solo qui ed è doveroso questo omaggio anche nei confronti di uno sport che sta dando grandi soddisfazioni alla città”

Ad intervenire, come detto, è stata anche l’assessore allo Sport Campanelli: “Il mio ringraziamento – afferma – va all’Unione Rugby che anche quest’anno vuole ricordare una persona, Pierluigi Camiscioni, che ha trasmesso molto alla comunità. E lo dico perché l’eredità che ci ha lasciato è visibile, sicuramente nei risultati che l’Unione Rugby sta raccogliendo”. Campanelli ha sottolineato come lo scopo della manifestazione, così come era accaduto lo scorso anno, serve a contribuire alla donazione di una vasca per il parto in acqua per il Reparto di Ostetricia e Ginecologia.

Come lo scorso anno in campo ci saranno le Fiamme Oro Rugby, la squadra della Polizia di Stato. “Partecipiamo con grande entusiasmo a questa iniziativa – ha spiegato il Questore, Vincenzo Massimo Modeo – e vorrei porre l’attenzione su due aspetti fondamentali. Il primo è che queste manifestazione attirano campioni di altissimo profilo e per questo mi auguro che la cittadinanza partecipi in maniera importante perché questo è uno sporto molto lontano dalla violenza e da altri tipi di sport che possono creare problemi di sicurezza pubblica. L’altro aspetto è sicuramente quello sociale: raccogliere fondi per mettere a disposizione attrezzature mediche per la comunità”.

Ad entrare nei dettagli è stato Massimo Maurotto, coordinatore delle Fiamme Oro Rugby: “Noi siamo una società che guarda molto al sociale – ha spiegato – e puntiamo molto sui giovani. Abbiamo tutta un’attività nel sociale per creare dei presidi di legalità perché per noi è importante che i giovani abbiano dei punti di riferimento nella legalità per tramsettere loro il principio di legalità stesso”.  Maurotto ha sottolineato come lo scorso anno, al Mandela, ci sia stato un grande riscontro di pubblico

Presente anche il direttore sportivo delle Fiamme Oro Claudio Gaudieri: “Quella dello scorso anno è stata una bellissima giornata di Sport e Legalità anche grazie alle iniziative prepartita organizzate dalla Questura di Ascoli”.

Amico di Pierluigi Camiscioni è Roberto Manghi, direttore generale della Valorugby: “E’ bellissimo essere a San Benedetto a fare questa partita – ha affermato – anche a livello personale perché ho avuto la fortuna di essere amico di Pierluigi Camiscioni. L’ho avuto come avversario: in campo era un leone e poi fuori era un amico. Ogni volta che andavo a L’Aquila o a Roma, prima della partita”.

salute 23
menoamara

ANNUNCIO PUBBLICITARIO

ANNUNCIO PUBBLICITARIO

bespoke
Avis Sbt 250
bagnini 250

TI CONSIGLIAMO NOI…