spadu top
lunedì 15 Aprile 2024
Ultimo aggiornamento 07:30
spadu top
lunedì 15 Aprile 2024
Ultimo aggiornamento 07:30
Cerca

Supermercato, sciopero del personale. “Nel Piceno si fermano in duemila”. Presidio di protesta a Ragnola

Interesserà tutti i gruppi che aderiscono a Federdistribuzione "come ad esempio nel nostro territorio Acqua e sapone, Magazzini Gabrielli, Lidl, Brico io, Bricocenter, Conbipel, Kiko, Penny Market, Arcaplanet, Douglas, Oviesse"

Pubblicato da 

Redazione
 sabato 30 Marzo 2024

SAN BENEDETTO DEL TRONTO. E’ rottura al tavolo di trattativa per il rinnovo del Contratto Nazionale della Distribuzione Moderna Organizzata, scaduto nel lontano 2019 e atteso da migliaia e migliaia di lavoratrici e lavoratori dipendenti delle imprese associate a Federdistribuzione.

“L’associazione imprenditoriale dopo una trattativa lunghissima e snervante – spiegano dai sindacati – ha mostrato il suo vero atteggiamento: quello di rigetto della contrattazione e di mancanza di rispetto per lavoratrici e lavoratori, come già avevano mostrato nel rinnovo precedente, lasciando lavoratrici e lavoratori indietro rispetto a quanto accade ai loro colleghi dello stesso settore ma a cui si applica altro CCNL”.

“Le richieste della parte datoriale volevano introdurre una flessibilità incontrollata, e allargare le maglie della precarietà, dopo aver abbandonato lavoratrici e lavoratori con redditi inadatti all’inflazione, e addirittura avanzato richieste che volevano sminuire le professionalità presenti, e dare inquadramenti inadeguati, portando tutti verso il basso. Le Segreterie Nazionali hanno ritenuto tali richieste provocatorie, e hanno deciso di interrompere la trattativa come risposta ad un atteggiamento irrispettoso della controparte, e l’unica strada possibile è stata quella di una proclamazione dello Sciopero di settore”.

Sarà quindi sciopero, convocato per la giornata di oggi in tutti i gruppi che aderiscono a Federdistribuzione “come ad esempio nel nostro territorio Acqua e sapone, Magazzini Gabrielli, Lidl, Brico io, Bricocenter, Conbipel, Kiko, Penny Market, Arcaplanet, Douglas, Oviesse”.

“Noi – affermano da Filcams Cgil, Fisascat Cisl e Uiltucs – saremo in presidio davanti al negozio Acqua e Sapone, in zona Ragnola a San Benedetto, per dare voce alle legittime richieste di lavoratrici e lavoratori che attendono da troppo tempo il rinnovo del Contratto Nazionale.  Nella nostra Provincia parliamo di oltre 2 mila addetti coinvolti, per un danno economico da mancato rinnovo che supera i 2 mila euro annui a dipendente. Una situazione incresciosa in una provincia che vive già una difficoltà economica strutturale e in cui l’inflazione ha colpito più duramente che altrove”.

© LA NUOVA RIVIERA|RIPRODUZIONE RISERVATA

Le ultime notizie

fiora
new edil
garofano
jako
coal
kokeshi
banca del piceno

TI CONSIGLIAMO NOI…