CGIL
venerdì 14 Giugno 2024
Ultimo aggiornamento 05:37
CGIL
venerdì 14 Giugno 2024
Ultimo aggiornamento 05:37
Cerca

San Benedetto, a nord del porto nasce la spiaggia per i cani. Ci sarà anche il servizio di salvataggio

Sarà prima necessario effettuare un’ispezione subacquea per verificare la sicurezza dei fondali al fine di rimuovere gli attuali divieti
Pubblicato il 28 Marzo 2024

SAN BENEDETTO DEL TRONTO. Il Comune di San Benedetto ha intenzione di realizzare una spiaggia per cani nell’area a nord del porto, a confine con Grottammare.

A tal proposito, lo scorso 2 febbraio si è svolto un sopralluogo dei tecnici comunali con l’Autorità Portuale e la Capitaneria di Porto e, di concerto, è stata ribadita la necessità di effettuare un’ispezione subacquea per verificare la sicurezza dei fondali al fine di rimuovere gli attuali divieti. Ad oggi, infatti, vige un’ordinanza d’interdizione dell’area e una di divieto di balneazione.

E’ stata pertanto avviata una interlocuzione con Grottammare per condividere il progetto e arrivare ad un accordo per la gestione del perimetro.

“La spesa – fa sapere il Comune – potrà essere valutata solo al termine del percorso amministrativo ed autorizzatorio fin qui delineato, alla luce delle prescrizioni e delle indicazioni definitive che saranno impartite dagli enti e dalle autorità competenti, e sulla base del progetto esecutivo, e del connesso piano finanziario, che sarà redatto conseguentemente dagli uffici”.

Qualora la spiaggia dog-friendly vedesse la luce, occorrerebbe attivare pure in quel tratto il servizio di salvataggio in mare.

“Stiamo valutando dei preventivi – spiega l’assessore al turismo Cinzia Campanelli – comunque la prima condizione per il buon esito del progetto sta nella relazione dei sub sulla perlustrazione dei fondali. Si dovrà dunque aspettare il ritorno del bel tempo e che il fondale sia in buone condizioni”.

L’obiettivo, manco a dirlo, è quello di arrivare pronti per l’avvio della stagione estiva, anche se l’assessore non si sbilancia.

L’idea di mettere in piedi un’area per cani nelle spiagge libere esistenti è stata bocciata per via della “natura limitata”, “della collocazione” e “della dimensione” delle stesse “alla luce delle prescrizioni, poste dalle normativa regionale, per attrezzare le spiagge ove venga consentito l’accesso e la permanenza in spiaggia dei cani”.

La tematica tiene banco da tempo, anche grazie alle continue interrogazioni promosse da Simone De Vecchis. Interpellata in assise proprio dall’esponente del gruppo misto, la Campanelli precisò che i concessionari di spiaggia avrebbero la possibilità di attrezzare una piccola area per cani nei loro stabilimenti. “Gli operatori sono chiamati alla sfida di adattare le loro strutture – affermò – ma ciò attiene alla sfera dell’iniziativa imprenditoriale privata. Come Comune possiamo solo contribuire con un’opera di sensibilizzazione”.

Di certo, la collocazione a nord del porto non accontenterebbe del tutto i possessori di cani, che sarebbero costretti a ‘migrare’ dal litorale sambenedettese pur di poter vedere scorrazzare liberamente i loro animali.

TI CONSIGLIAMO NOI…