hopera surreal
venerdì 19 Luglio 2024
Ultimo aggiornamento 15:14
venerdì 19 Luglio 2024
Ultimo aggiornamento 15:14
Cerca

Celani: “Vogliamo portare il teatro al porto. E allestire il palcoscenico su un veliero”

Il presidente dell'Amat promuove la stagione teatrale: "San Benedetto ad oggi ha avuto 4265 presenze e 478 abbonamenti. L’anno passato erano stati 360. A Grottammare gli abbonati sono stati invece 250. Numeri impressionanti"
Pubblicato il 14 Marzo 2024

SAN BENEDETTO DEL TRONTO. “Porteremo il teatro al porto, il palcoscenico sarà su un veliero, mentre il pubblico assisterà allo spettacolo dalla darsena”. Ad annunciare l’iniziativa è il presidente dell’Amat, Piero Celani, che guarda già alla prossima estate. “Tutto dipenderà dal finanziamento ministeriale – spiega – se arriverà l’ok potremo metterlo in scena. Dipenderà dalle tempistiche”.

Celani, in carica dal giugno 2022, parla di un bilancio positivo “grazie all’intera struttura che sta lavorando benissimo”. Tanti sono i bandi vinti, così come le manifestazioni promosse.

L’idea del teatro al porto ricorda un altro cavallo di battaglia dell’ex presidente della Provincia che, quando era alla guida di Palazzo San Filippo, allestì l’opera proprio al porto. “Mettemmo in scena i Carmina Burana e altre opere liriche. Il mio obiettivo è portare il teatro fuori dalle mura, decontestualizzarlo, non lasciarlo solo nei luoghi canonici. Voglio far capire che la vita stessa è un teatro”.

Qual è il bilancio della stagione teatrale tra Ascoli, San Benedetto e Grottammare?

“Non siamo ancora giunti a conclusione, manca un mese. Arrivati a due terzi del percorso una riflessione può essere fatta. I risultati sono ultra-positivi, siamo andati alla grande. L’offerta è stata di grande qualità e abbiamo trovato da parte del pubblico la volontà di tornare a teatro dopo il lungo periodo della pandemia. Gli abbonamenti hanno goduto ovunque di un incremento: del 40% a Fermo, del 100% a Grottammare, del 20% a San Benedetto. Siamo soddisfatti, anche per quel che riguarda gli spettacoli domenicali per ragazzi che hanno visto sempre il pienone. Le famiglie sono state contentissime, i genitori hanno lasciato soli i figli, che si sono comportati benissimo”.

E’ stupito dell’incremento degli abbonamenti?

“Lo spettacolo dal vivo regala più emozioni e partecipazione. A farci piacere sono soprattutto i commenti che raccogliamo all’uscita. San Benedetto ad oggi ha avuto 4265 presenze e 478 abbonamenti. L’anno passato erano stati 360. A Grottammare gli abbonati sono stati invece 250. Numeri impressionanti”.

Mesi fa parlò dell’idea di un bonus cultura riservato alle realtà locali del Piceno, grazie al coinvolgimento di fondazioni bancarie e di alcuni gruppi imprenditoriali.

“Ci sto lavorando. Ho incontrato diverse fondazioni e stanno valutando. Spero di contattare imprenditori illuminati per far sì che le compagnie locali possano lavorare. L’Amat non può più di tanto collaborare con le realtà amatoriali. Se al contrario si creasse un bonus destinato a loro sarebbe diverso. Non conosco con esattezza la valenza economica del teatro in ambito territoriale, ma riceviamo tante richieste. Il nostro compito è mettere in piedi dei canali appositi per convincere i singoli comuni a sostenere queste compagnie”.

fiora
kokeshi
coal
garofano
new edil
soriano 250

TI CONSIGLIAMO NOI…